Gioco legale e responsabile

Strategie di Poker

Imparare ad amare le bad beat per il piacere di essere ricompensati nel long term

Scritto da
10/02/2020 19:36

2.274


Una delle situazione con le quali dobbiamo abituarci a convivere, è quella che capita subito dopo aver subito un brutto colpo. Ma se volessimo rivoluzionare il concetto di Bad Beat?

Bryce Yockey non crede ai suoi occhi dopo una bad beat

Cosa è esattamente una bad beat? 

Diciamo subito che lo spunto per questo articolo arriva da un pezzo scritto da Carlos Welch, giocatotore, scrittore di innumerevoli articoli e filosofo del poker che non manca quasi mai di dare il suo contribuito su PokerNews.

La bad beat, dice Carlos, non è nient’altro che un brutto colpo perso alla fine di una mano giocata nel migliore dei modi. 

Carlos racconta di aver perso un coin flip da 100x al Day3 del Main Event delle WSOP contro Maria Ho, quando i due si presentarono allo show down il primo con una coppia di donne la seconda con A-K. 

Ci sono dei colpi che possono spostare la vita e la carriera di un giocatore, e quello contro Maria era probabilmente uno di quelli.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Ma non è esattamente così

In quel momento e onestamente anche nei giorni successivi, scrive Carlos, ho pensato che quella mano fosse la maggior bad beat che si potesse prendere, più che per il colpo in sè, in fondo era solo un coin flip, quanto per il contesto e per ciò che avrebbe potuto rappresentare. 

Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Oggi penso invece che una definizione di bad-beat così come tradizionalmente è intesa, sia obsoleta. 

Ora capisco che nemmeno J-J > QQ possa essere considerata una bad-beat, ma semplicemente una circostanza standard che non può essere considerata una BB. 

In quella mano ho aperto da BTN, trovando la 3Bet di Maria dal Big Blind, ho deciso di 4bettare per poi chiamare lo shove della Ho. 

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Da quel momento ho imparato che il poker non è mai strettamente legato alla mano reale, ma ai range. 

QQ vs AK giocano da sole, come dice un detto molto conosciuto tra noi giocatori, ma pure QQ vs JJ sarebbe stato un cooler.

Certo, in quel caso sarei stato piuttosto avanti, ma nel ragionamento di lungo termine, la mia mano avrebbe reso al meglio in quel contesto, così come avrei sfruttato quel piccolo vantaggio che mi portava ad essere leggermente avanti ANCHE con Maria. 

Ecco il punto

Il vero punto dal quale dobbiamo partire, è che dobbiamo riconoscere che più che bad beats, trattasi di cooler e, se QQ vs AK ci darà un piccolo vantaggio in termini di valore atteso, QQ vs JJ quel vantaggio ci verrà restituito in maniera molto più sostanziosa.

Ciò che significa che se non partiamo dal concetto che le nostre Bad Beats andrebbero ignorate perchè facenti parte del gioco, non capiremo mai che esse capitano come capitano i coin flip.

Anche se la cosa può risultare poco ragionevole e comprensibile, nel momento in cui avete perso un colpo in cui partivate parecchio avanti, dovete semplicemente entrare nell’ordine di idee che quel tipo di errore da parte del vostro avversario, è lo stesso per il quale, nel lungo periodo, la ricompensa sarà profumata.  

Se non ci fossero le bad beats, non esisterebbe il poker. 

Fine prima parte

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento