GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Cash Game

Odd_Oddsen: un giorno di ordinaria follia al PL20.000

Scritto da
04/02/2015 11:39

4.328


Se vi siete mai domandati come sia la vita quotidiana di un giocatore di poker high stakes, una parziale risposta a questo dubbio la si può avere seguendo una delle molte sessioni che si possono osservare su PokerStars o Full Tilt, meglio se in compagnia di un commentatore d’eccezione come Joe Ingram e quando ai tavoli ci sono professionisti come Ola “Odd_Oddsen” Amundsgaard.

Vivendo negli Stati Uniti, “ChicagoJoey” non può prendere posto a queste partite, ma le commenta spesso e volentieri nei suoi livestreaming che, un po’ come accaduto a Jason Somerville, col tempo hanno raccolto sempre maggiore successo fra gli appassionati, e per capire come mai sia accaduto basta guardarlo.

Commentando l’azione fra vari regular ai tavoli di Pot Limit Omaha $100/$200 – qualcosa che non si vede tutti i giorni, specie quando seduto non c’è alcun giocatore chiaramente amatoriale – Joe Ingram si lascia andare a commenti divertenti che riguardano carte, donne, pallacanestro e nightclub: un mix che solitamente chi ama il poker sa apprezzare.

In questo senso, esilarante il modo in cui sottolinea un raise/fold al river di “WRUUUUM” contro “yiyi01“, con quest’ultimo che è un regular di Macao e decide di 3-bettare all-in dopo aver puntato close to the pot al river. “WRUUUUM” ci pensa a lungo ed alla fine folderà, malgrado ormai il suo stack effettivo sia davvero ridotto in proporzione al piatto: “Non stare lì a pensarci per questi ultimi 1900 dollari amico – scherza Ingram – in questo preciso momento sta pensando, quante prostitute posso pagarci in Thailandia con 1.933 dollari?“.

wrrummmm-plo

Dopo ha preso di mira “Odd_Oddsen” – di cui in realtà è amico – dal momento che quest’ultimo aveva vinto in modo rocambolesco un piatto dove partiva nettamente sfavorito: “Il re della god run – lo ha apostrofato – ha tirato fuori uno dei suoi trucchi, non perde mai un grosso piatto, è un dato di fatto”.

La mano è avvenuta fra il norvegese e “JayP-AA”, quando i due avevano stack effettivi di 38.750 dollari. Nella mano in questione, “JayP-AA” apre il gioco da middle position a 700 dollari, venendo chiamato da “Odd_Oddsen” che si trova sul grande buio: il flop è 4 5 j , e qui “JayP-AA” prima punta 1.200 $ su piatto di 1.500 $, e quindi 3-betta a 14.209 $ dopo che “Odd_Oddsen” ha check/raisato a 4.238 $.

Amundsgaard chiama, e quando al turn cade il 3 decide di openpushare 23.840 $ effettivi su piatto di 29.000 $ con in mano a 3 8 4 , venendo però callato da “JayP-AA” che gira j **pj 5 2 , per un topset che gli dà un’equity del 75%. Il problema è che il Run it Twice non lo ama: il primo river è infatti il 9 , il secondo il 6 , e così “Odd_Oddsen” da netto sfavorito incassa un piatto da 77.600 dollari.

Inutili i tentativi di “JayP-AA” di chiedergli un “coinflip” da 8.000 dollari come contropartita: il norvegese rifiuta e così la partita continua…

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento