Gioco legale e responsabile

Strategie di Poker

Le lezioni da imparare quando fate deep run. Aprire o restringere i range?

Leonardo Pires viene ricordato ancora oggi per aver dissipato un vantaggio enorme in chips. Ci sono un paio di lezioni da imparare, sia da parte dei giocatori più esperti, che da quelli alle prime armi.

Scritto da
12/07/2021 18:09

898


 

Leonardo Pires Pic courtesy PokerNews

Leonardo Pires Pic courtesy PokerNews

La storia di Leonardo Pires

Nei giorni 2, 3 e 4 del PokerStars Caribbean Adventure Main Event 2016, un brasiliano poco conosciuto di nome Leonardo Pires ha concluso da chip leader ogni giornata e il suo vantaggio diventava ogni volta più massiccio. 

All’inizio del Day 5 con solo 19 giocatori rimasti, Pires aveva 4.566 milioni, quasi il doppio del suo avversario più vicino.

Per quanto riguarda la quantità di chips, Pires era in quel momento il favorito per conquistare il primo premio da $833,260 e assicurarsi il suo posto nella storia del poker. 

Tuttavia, dato il livello della concorrenza – che includeva gente come Mike Watson, Vladimir Troyanovskiy e Matt Waxman, solo per citarne alcuni – e lo stile di gioco non convenzionale del brasiliano, non erano in molti a dargli tante possibilità.

Sfortunatamente per lui, questi ultimi hanno avuto ragione, quando è caduto e ha bruciato tutte le sue chips al Day 5, uscendo alla fine al 13° posto per $45,860. 

La discesa agli inferi

Ci sono volute quattro ore per passare da massive chip leader all’eliminazione, ma in realtà la sua trasformazione in ghost è avvenuta nel corso di un livello devastante.

Pires ha avuto un buon inizio di Day 5 quando ha giocato i re alla perfezione e ha fatto cadere nella trappola il poker pro Fabian Ortiz, cinvincendolo a mettere le sue ultime fiches in modo scriteriato finendo 17°. 

Ma poi le cose sono cambiate rapidamente per Pires.

Al livello 24 (12,000/24,000/3,000), un flop 2 4 6 , ha visto Pires puntare 214,000 in un piatto di 224,000. 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Watson ha chiamato dall’hijack, altri due giocatori hanno passato, e si è rimasti in heads-up prima che scendesse un 3 al turn.

Pires ha puntato 500.000, Watson ha callato e i due hanno visto cadere un j sul river. 

Pires è andato all in e Watson ha pensato prima di chiamare per 1.01 milioni.

Sei“, ha detto Pires con sicurezza mentre mostrava k 6 . 

Watson ha poi girato la mano migliore con 7 7 . Pires ha accusato il colpo, ma aveva ancora 5.49 milioni ed è rimasto in testa.

Al livello 25 (15.000/30.000/4.000), Pires ha perso la chip lead per la prima volta da giorni quando ha rilanciato a 100.000 da early position e Troyanovskiy ha chiamato dal cutoff. 

Il 10 5 k del flop ha visto Troyanovskiy chiamare una puntata di 150,000 di Pires, e poi entrambi i giocatori hanno fatto check al j del turn.

Quando una q ha completato il board al river, Pires ha puntato 350,000 ma ha foldato quando Troyanovskiy ha rilanciato a 750,000. 

Fine della leadership di Pires

Con questo colpo, Pires è sceso a 3.817 milioni, il che significava che il nuovo chip leader era diventato Watson con 4.16 milioni.

Pires ha poi perso due grossi piatti, il primo contro Ken Demlakian, e il secondo quando ha fatto troppo affidamento su una coppia di dieci, poco prima del break lungo.

Qualcuno sente odore di eliminazione?” ha chiesto Matt Broughton durante lo streaming live dell’EPT. 

Tutti si chiedevano se Pires sarebbe stato in grado di recuperare dopo la pausa, ma non ha fatto aspettare a lungo la folla per scoprire la risposta.

Alla prima mano, Watson ha rilanciato a 90,000 da hijack e Demlakian ha chiamato dal cutoff. 

Quando l’azione ha raggiunto Pires dal big blind, il brasiliano è andato all in per 1.65 milioni. Watson è andato a sua volta in shove e Demlakian si è tolto di mezzo.

  • Watson: 10 10 
  • Pires: 4 3  

Pires ha deciso di andare all-in con una mano debole, ma il suo avversario ha sudato freddo quando il flop q 3 k ha accoppiato i tre del brasiliano. 

Sfortunatamente per lui, il 10 è sceso al turn lasciandolo drawing dead.

Un insignificante 6 è sceso al river e il crollo di Pires è stato completato. 

Coloro che guardavano hanno palesato in un’ incredulità notevole, di fronte al modo in cui un giocatore potesse cadere così velocemente dalle stelle alle stalle.

Per me, ci sono due lezioni da imparare da Pires.

Quando sei contro un dilettante inesperto, devi riuscire a trovare gli spot migliori per incastrarlo.

I professionisti del poker al tavolo stavano praticamente sbavando quando Pires ha iniziato a regalare le chips a destra e sinistra, e stavano cercando un’opportunità per giocare contro il brasiliano, che stava chiaramente esagerando con il suo gioco aggressivo. 

Ciò significava che se avessero preso almeno una parte del flop contro di lui, probabilmente avrebbero vinto parecchie chips.

Prendi l’ultima mano, per esempio. 

Watson ha spillato i dieci e ha fatto un rilancio standard. Demlakian ha solo chiamato, e Pires è esploso andando all in. 

Ovviamente avrebbe potuto avere una buona mano, ma la storia tra di loro ha suggerito il contrario. 

Watson lo sapeva, ed è per questo che era disposto a giocarsi il colpo coi 10. 

Fortunatamente per lui, nessuna bad beat si è materializzata sul board comune ed è così che ha ottenuto un grande vantaggio in termini di chip.

Giocatori come Pires sono dei jolly e può essere difficile giocarci contro.

Alcuni semplicemente non sono disposti a immischiarsi con un giocatore pazzo, ma se speri di andare avanti all’interno di un torneo di poker, faresti meglio a essere disposto ad approfittare di questi giocatori.

Se sei un giocatore inesperto, restringi i range

Nonostante avesse perso tutti i piatti che ha giocato,  prima dell’ultimo, Pires aveva ancora un sacco di chips con cui giocare. 

Non aveva bisogno di spingere con quattro-tre, ma a quel punto aveva chiaramente perso il controllo. 

Se avesse solo tenuto sotto controllo le sue emozioni e si fosse deciso di restringere i suoi range, probabilmente avrebbe scalato qualche gradino del payout. 

Chissà, magari avrebbe anche aver potuto prendere una marea di carte per rimettersi in competizione per vincere il torneo. 

Invece, ha buttato via una grande opportunità, che è stata quella di avere delle chance di vincere un torneo che ti può cambiare la vita.

È difficile farcela quando si passa da chip leader a short stack (l’ho sperimentato io stesso una volta o due), ma se mai speri di recuperare, fidati di me quando dico che devi chiuderti. 

Giocare in modo sciolto e veloce non ti farà tornare indietro quelle fiches. 

Se ne sono andate. 

Non puoi cambiare il passato. 

Realizzalo, accettalo e torna a giocare il miglior poker possibile.

Pires non lo ha fatto e verrà ricordato come il più veloce dissipatore di big stack della storia della PCA.

Articolo scritto da Chad Holloway per PokerNews