Gioco legale e responsabile

Strategie di Poker

Strategia poker: le coppie piccole limpate da UTG. Un’arma a doppio taglio

Non è sempre consigliabile limpare le coppie piccole da early position, ma in qualche caso è giustificato farlo, anche in relazione al tavolo, agli stak e al flow della partita. Ecco una mano in cui succede che da un apparentemente insignificante limp da UTG, si vince un pot mostruoso che aiuterà a portare a casa il torneo.

Scritto da
14/01/2022 18:10

1.083


Le coppie piccole

Qualche anno fa, Blake Whittington ha compiuto un’impresa straordinaria, facendo un back to back di anelli alle World Series of Poker Circuit Horseshoe di Tunica.

Questa doppia cavalcata includeva il superamento di un field di 466 iscritti al Main Event da $ 1.700 per il suo quinto anello, un premio di $ 151.789 e un posto al Global Casino Championship 2019.

Conoscevo Whittington da febbraio 2016, quando aveva vinto l’evento regionale MSPT $350 a bestbet Jacksonville. All’epoca era chiaro che era un giocatore di talento, quindi vedere i suoi recenti successi non è stato uno shock.

Ho contattato Whittington dopo la vittoria e gli ho chiesto se ci fosse qualche grossa mano di cui volesse parlare. Prima di condividerla, si è affrettato a chiarire che è stato super hot e in good run per la maggior parte del torneo.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Whittington e la sua super run

Sono partito alla grande fin dall’inizio del torneo e per tutto il giorno mi è sembrato in qualche modo di dovermi continuare a scontrarmi con gli altri big stack ai miei tavoli ed averla sempre vinta“, ha detto Whittington. “Fortunatamente per me, vincevo tutte queste enormi mani. È stata la salita più liscia e stabile che avessi mai sperimentato in un Day 1 di un Main”.

La mano che ha ricordato si è svolta al livello 16 (2.000/4.000/500) alla fine del Day 1a. È iniziata quando Whittington, fresco di vittoria dell’Event #9: $400 No-Limit Hold’em, ha limpato under the gun con **qs* 2 e Michael Ledford, vincitore dell’Event #1: $400 NLH Double Stack Big-Blind Ante, ha fatto lo stesso da small blind con 9 9 .

Ho mixato tutto il giorno tra rilanci e limp da tutte le posizioni, in questo caso ho spillato i due e ho deciso di limpare“, ha spiegato Whittington.

Il mio tavolo era talmente deep che, anche data la mia posizione scadente, mi sembrava giustificabile limpare qui ed evitare di rilanciare e affrontare una possibile three-bet. Poiché avevo limpato sporadicamente da tutte le posizioni, sentivo che il mio range era ben protetto, il che mi avrebbe fatto per trovare più modi per vincere postflop oltre a floppare un set.

In quel momento non sapevo chi fosse Michael Ledford, ma seppi dopo che aveva vinto l’evento di apertura. Era appena stato spostato al tavolo meno di due orbite prima, ma aveva già mostrato una propensione a spingere e costringere i suoi avversari in grossi piatti“.

Limpare le coppie piccole e settare

Come è successo, Justin Harvell ha fatto check dal big e il trio ha visto un flop q 9 2 , dando a Ledford la top two pair e il bottom set di Whittington. Sia Ledford che Harvell hanno fatto check e Whittington ha puntato 5,000.

Decido di cbettare e iniziare a costruire un piatto, quindi betto 5K“, ha detto Whittington.

Ledford ha deciso di con un check-raisare a 20,000, Harvell ha foldato e Whittington ha immediatamente chiamato.

Data l’azione preflop, non ero affatto preoccupato per la coppia di regine, ma credo che ci fosse una, seppur piccola, possibilità diversa da zero che potesse avere i nove qui, dato che era lo small blind e avrebbe potuto optare per non voler gonfiare il piatto

Ho pensato che avrebbe potuto avere {k-}{q-} o {q-}{j-}, anche se in teoria non dovrebbe raisare quelle mani. Ma sto davvero solo sperando, e pensando, che possa avere {q-}{9- } o i molto più rari {q-}{2-} o {9-}{2-} e ho pensato fosse giusto il call

Ledford ha quindi puntato 100,000 al turn, un a e Whittington è andato all in.

La mano diventa pazza

È qui che la mano diventa pazza”, ammette Whittington. “Ora possiamo davvero iniziare a restringere le sue mani dopo questa carta del turn. È abbastanza improbabile che abbia {a-}{q-} per una doppia coppia al turn data l’azione preflop. Tuttavia, credo anche qui che sia una possibilità diversa da zero. Una volta che scende qusto turn, penso che la sua mano più probabile sia una doppia coppia floppata che semplicemente non sa cosa fare in questo scary turn e sta solo cercando di vincere il piatto qui e ora. ”

“Alla fine ho deciso che era arrivato il momento di provare a giocare per tutto lo stack”.

Ledford ha chiamato con i 230.000 circa che aveva dietro.

Whittington ha continuato: “A questo punto, se avesse avuto una coppia di nove, così sia, GG. Avrebbe sfruttato il suo enorme vantaggio considerando l’azione nella mano e anche la sua suddetta propensione a sparare enormi bet, come avevo notato in quel piccolo frangente. Alla fine ho deciso che era giunto il momento di provare a giocare per gli stack contro quella che era molto più probabilmente una doppia coppia, quindi ho shovato. Lui snappa e il mio cuore ne risente un po’, ma sono sollevato, ovviamente, quando mostra two pair.”

Da un limp insignificante, il pot del torneo

Il dealer ha bruciato un’ultima volta e ha messo in testa un 5 . Ledford è stato eliminato mentre Whittington è andato a conquistare la chip lead del Day 1a.

Quando è stato svelato il river e il piatto è venuto dalla mia parte, sono rimasto scioccato da quanto massiccio il piatto fosse diventato dopo un’azione preflop così small”, ha concluso Whittington. “Mentre stavo accumulando le chips, continuavo a dire a me stesso e al mio compagno di stanza, Eric Salazar, che era seduto alla mia sinistra, ‘Questo giorno non sembra reale. Non ho mai runnato in questo modo in un Main Event.’ Questa mano è stata fondamentale per il mio successo in questo torneo“.

Per Chad Holloway, Pokernews