Gioco legale e responsabile

Psicologia

Jared Tendler: “Senza una mente allenata non si può vincere a poker”

Jared Tendler, il mental coach di 888poker, inaugura una serie di articoli ispirati al suo The Mental Game of Poker. In questo primo pezzo, Tendler parla di come senza una mente allenata un giocatore di poker non possa mai rendere al meglio.

Scritto da
23/11/2018 11:00

1.903


Jared Tendler è il mental coach più famoso nel mondo del poker. Da anni allena e affina le menti dei migliori poker pro: ha cominciato con un certo Dusty ‘Leatherass’ Schmidt, e da lì non si è mai più fermato.

Tendler oggi fa parte del team di 888poker, per il cui blog ha sviluppato una serie di articoli molto interessanti, che traggono ispirazione dal suo The Mental Game of Poker, corredati da altrettanti video. Vi riporteremo gli estratti più interessanti, rimandandovi al blog di 888poker per la versione integrale.

 

Jared Tendler

La mente nel poker è tutto

 

Poker, la mente conta più del fisico

“Il motivo per cui il poker è un gioco eccezionale è che chiunque può diventare un grande giocatore”, attacca Jared Tendler, evidenziando la sostanziale differenza con gli sport tradizionali, dove intervengono altre caratteristiche fisiche che per quanto possano essere allenabili, spesso sono doni di natura.

Essendo il poker un mental game, così come gli scacchi e gli esport, prendere la giusta decisione è la tecnica principale di un poker player, comparabile con la tecnica fisica di un atleta: il servizio nel tennis, il terzo tempo nel basket, il tiro al volo nel calcio e così via.

“Quando si prende la decisione sbagliata”, spiega Jared, “può essere perché esiste una lacuna nelle proprie conoscenze pokeristiche, ma può anche voler dire che c’è una falla nel proprio decision making.

Jared Tendler: ecco come capire se sei mentalmente fuori forma

Nel suo primo articolo dedicato a quanto sia importante la mente nel poker, l’autore individua una serie di segnali che aiutano a capire quando la stessa sia fuori forma:

  • Scarsa voglia di studiare o giocare
  • Impossibilità ad effettuare ragionamenti profondi
  • Tendenza a tiltare più spesso e per motivi più futili
  • Difficoltà ad applicare ciò che si è appreso
  • Perdersi informazioni ovvie durante una mano
  • Farsi distrarre facilmente e spesso
  • Difficoltà a smettere di giocare anche quando è l’ora di farlo
  • Perdersi in una mano e chiedersi come si è arrivati fin lì
  • Riaffiorare di brutte abitudini di gioco che si credevano ormai scomparse

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Allenare la mente

Come fare per non ricadere in una (o più) delle casistiche precedenti? Vincere è molto più difficile se la mente non è in forma, spiega Jared Tendler, e per questo motivo “la mente va affilata, come una spada, perché deve essere forte e tagliente, come se fosse un’arma in un campo di battaglia”.

La chiave per prendere decisioni giuste, afferma l’autore, è “avere la giusta quantità di energia. Se non avete abbastanza energia mentale, non potete giocare al meglio. Certo, questo non vi garantisce di farlo, perché quell’energia va diretta nel modo giusto.

La concentrazione dirige l’energia su ciò che è più importante ed evita di distrarla da ciò che non lo è. Bisogna avere abbastanza energia e un buon focus, altrimenti non farete attenzione ai dettagli importanti di una mano, ai giocatori e al vostro gioco”.

Mind Tricks to Make You a Better Poker Player

Ecco dunque il video relativo all’articolo:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento