Gioco legale e responsabile

Iron · Tornei

Quando e perché c-bettare nei tornei?

Scritto da
18/08/2015 15:30

7.615


Quando e su quali board c-bettare, oppure fare addirittura una triple barrel in bluff? Domanda da un milione di dollari e probabilmente oltre, ma nonostante questo l’inglese Patrick Leonard prova a rispondere, spiegando quali sono i criteri che segue quando è chiamato a decisioni simili.

“Spesso i regular c-bettano troppo frequentemente o troppo poco, o magari chiamano le c-bet troppo spesso o troppo poco – ha scritto su pokerplayer.co.uk – altri fanno invece fatica a capire quali board possono sfruttare per far foldare i propri avversari, quando non possono sostenere un’azione aggressiva su più street da parte nostra”.

Fa quindi un esempio, immaginando di openraisare con a k , 5 5 e 10 9 e di trovarsi di fronte un flop come 8 4 2 . “In questo caso credo che possiamo c-bettare con il nostro intero range, questo perché ad esempio con T9 suited abbiamo molti turn che migliorano la nostra mano o che possiamo ribarellare in quanto scary card, ma che succede se ad esempio il flop fosse 8 q 2 ?”.

Una semplice carta diversa, e dal suo punto di vista tutto cambia: “Con AK, nel caso in cui hittassimo la top pair, potremmo incappare in delle reverse implied odds, e quanto alle altre carte o non sono scary per lui o hittano più il suo range che il nostro, come nel caso in cui cada un jack o un dieci”. Per la stessa ragione, anche l’idea di c-bettare con 5 5 o 10 9 lo fa tutt’altro che impazzire.

C’è poi un altro tipo di flop che, a suo avviso, non è mai sfruttato abbastanza dai regular: quello in cui ci siano tre broadway, quindi ad esempio a q 10 o a k j . “Se il nostro avversario si è limitato a chiamare preflop ed al flop, possiamo escludere dal suo range tutta una serie di mani, che avrebbe o 3-bettato preflop o magari rilanciato al flop. Su board del genere, è probabile che il nostro avversario non sia in grado di sostenere una triple barrel, in quanto il nostro range percepito è più forte del suo”.

Secondo Patrick, è difficile che il nostro avversario possa chiamare per tre street in situazioni analoghe con meno di two pair, ed al tempo stesso è difficile che possa avere una doppia coppia o meglio: per questo motivo, Leonard consiglia di sfruttare situazioni analoghe, naturalmente sempre tenendo presenti anche quelle che sono le caratteristiche degli opponent che abbiamo di fronte.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento