Gioco legale e responsabile

Tornei · Visitatore

Strategia MTT: l’obiettivo di ogni azione

Scritto da
10/06/2010 09:11

10.328


Nuovo appuntamento con la guida del professionista americano Tony “Bond18” Dunst, scritta con l’obiettivo di trattare i concetti di gioco più importanti per vincere nei multi-table tournament di No Limit Texas Hold’em. Riprendiamo il discorso da un interrogativo: “Qual è lo scopo della nostra azione?”

“In passato ho messo sui forum un sacco di mani su cui avevo dubbi, e di base molti dei poster più esperti mi rispondevano “Cosa stai cercando di fare in quella situazione?” L’errore comune che commettevo postflop era di non pensare abbastanza alle decisioni da prendere, nel senso che non mi sforzavo di capire quali fossero le reali motivazioni dietro ogni mia singola azione.

In realtà di base c’è questo: ogni volta che fate una qualche tipo di mossa in una mano di poker (escluso foldare) dovrete essere certi di aver chiaro l’obiettivo che volete perseguire.

Ad esempio: molto spesso la gente rilancia sul flop ma se subisce un re-raise non sa poi come comportarsi. Se vi trovate in uno spot del genere, dovrete sapere se il vostro raise rappresenta:

  1. Un puro bluff
  2. Un semi bluff
  3. Un value raise con la speranza di essere controrilanciati
  4. Un value raise da foldare di fronte ad un re-raise

La maggior parte delle volte vi ritroverete nella situazione prevista al punto 3, tuttavia ci saranno spot (specialmente sul river) dove raisare per valore ma poi foldare ad un re-raise sarà la giocata più corretta.

Dovrete fare un piano per ogni singola azione. Naturalmente ci può stare anche che dopo una vostra mossa l’avversario reagisca in un modo che non avevate previsto. Ma poiché gran parte di un torneo di poker si gioca da short-stack, un sacco di vostre decisioni, soprattutto pre-flop, dovrebbero essere piuttosto standard. Quando rilanciate da small blind contro un oppo sul Big Blind che ha 15BB, non dovreste trovarvi di fronte ad una decisione difficile quando lui shova.

Dovreste essere in grado di prevedere con largo anticipo che un giocatore con quel numero di chips andrà all-in spesso contro di voi, e quindi dovrete reagire di conseguenza con lo stack appropriato.

Il bet/raise per informazione è raramente una buona opzione, perchè le puntate dovrebbero essere fatte per bluff o come value bet. Ci sono modi migliori per capire come si è messi nella mano rispetto a speware chips per questo unico scopo. Tornerò comunque su questo argomento in un prossimo intervento. Nel frattempo provate a giocare su un paio di tavoli ed ogni volta che tocca a voi agire chiedetevi sempre : “Qual è lo scopo della mia azione?”

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento