Gioco legale e responsabile

WSOP 2016

Griffin Benger: “Non ho venduto quote, sono November Nine grazie a un sat!”

Scritto da
06/08/2016 09:54

3.143


Griffin Benger è considerato uno dei favoriti per la vittoria finale del Main Event WSOP 2016. Il motivo è presto detto: dei nove finalisti, il canadese è quello che ha più esperienza in palcoscenici prestigiosi, come dimostrano i quasi quattro milioni di dollari vinti dal vivo soprattutto negli high roller. Se a questo aggiungiamo i 6.4 milioni di dollari vinti online, è facile comprendere perché tutti gli occhi saranno puntati su di lui, anche se partirà da una poco incoraggiante settimana posizione su 9 left.

Nonostante questi numeri sensazionali, il cammino che lo ha portato a centrare i November Nine è ben diverso da quello dei professionisti che lo hanno preceduto nelle edizioni precedenti. Solitamente, un top player come lui non ha problemi a trovare finanziatori disposti a comprargli quote per potersi iscrivere direttamente al Main Event. La sua storia, però, è incominciata in maniera insolita e potrebbe concludersi epicamente.

Siamo a maggio e Griffin si trova lontano dal suo Canada per una trasferta dedicata al poker. Si è portato dietro i soldi per i buy-in in contanti e una carta di credito con poco più di mille dollari per le spese di vitto e alloggio ed eventuali emergenze. Dopo aver bustato tutti i tornei dal vivo ai quali si era iscritto, Griffin apre la lobby di 888poker e scopre che sono presenti nel palinsesto dei satelliti per il Main Event WSOP.

Griffin Benger festeggia dopo la vittoria di un side event all'EPT

Griffin Benger festeggia dopo la vittoria di un side event all’EPT

“Non avevo molti soldi, era spericolato per me giocare quel satellite da 1.000$“, ha raccontato ai colleghi di Pokerlistings.com. “Ma alla fine ho effettuato il deposito di 1.000$ quasi in maniera ironica, pensando che fosse ridicolo ciò che stavo facendo. Avevo giusto quei soldi sulla carta di credito”.

Un azzardo bello e buono, ma Benger ha una valida giustificazione per questo approccio rischioso: “Sapevo che i satelliti su 888.com sono molto, molto facili. Sono tra i satelliti più facili del poker online, se non i più facili in assoluto. Il motivo è che 888poker ha un ottimo programma di step che permette a giocatori amatoriali di partire dal basso e qualificarsi per i satelliti da 1.000$ per il Main Event”.

Secondo Griffin Benger questa circostanza era troppo ghiotta per non approfittarne. Così, nonostante potesse contare su poco più di un buy-in sulla carta di credito, ha deciso di investire quasi tutto ciò che aveva a disposizione. “Il fatto che ci fossero un sacco di giocatori amatoriali mi dava un edge enorme sul field. L’ho giocato e vinto piuttosto facilmente“.

Griffin Benger

Improvvisamente si è ritrovato con un ticket da 10.000$. Davanti a sé aveva tre possibilità: effettuare il cash out e incassare il denaro, partecipare al Main Event WSOP vendendo quote oppure tentare il tutto per tutto senza condividere con nessuno il suo investimento. Qual è stata la scelta di “Flush_Entity”?

“Ho pensato a lungo se fosse il caso di vendere quote, visto che non ero nel migliore stato mentale ed emotivo per andare a Vegas e giocare un torneo lungo una settimana. Ma vendere quote era problematico, quindi mi sono detto: “Sai cosa? Vai là per un paio di giorni e vediamo cosa succede“. E ora, beh… Eccoci qua!”

Nonostante sia un professionista affermato in tutto il mondo, Griffin Benger ha la possibilità di trasformare un investimento relativamente piccolo in un premio da 8 milioni di dollari. In caso di vittoria, poi, non dovrebbe dividere con nessuno questa prima moneta da sogno, un privilegio raro tra i November Nine…

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento