GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

Bill Perkins: “I festini con Dan Bilzerian? C’è tanto sesso, alle ragazze non interessano i soldi ma la fama”

Nel corso di un pocast con Joe Ingram, Bill Perkins ha raccontato qualche retroscena sulla sua vita, sulla sua carriera e sui festini con Dan Bilzerian

Scritto da
13/03/2017 15:00

3.868


Pur essendo noto come uno dei più grandi fish degli high stakes, Bill Perkins ha un notevole seguito nel mondo del poker. Il motivo è semplice: in un ambiente dove i soldi sono il principale metro di giudizio, un milionario che si è fatto da solo e può permettersi di perdere soldi come nulla fosse attira inevitabilmente molte attenzioni. Ovviamente a nessuno interessa sentire Bill Perkins parlare di poker, ma quando dà consigli per avere successo nella vita e nel business le sue parole hanno un valore ben diverso.

Non è un caso che uno dei podcast più visualizzati di Joe Ingram sia proprio quello con Perkins protagonista. In quell’occasione Bill parlò di poker, della sua carriera pazzesca e della vita da baller con Dan Bilzerian.

“Ero all’Università e studiavo Ingegneria, ma sapevo che non era quello che volevo fare nella vita”, racconta Perkins per spiegare come ha avuto inizio il suo percorso milionario. “Ero lì solo per imparare. La prospettiva di studiare, cercare un lavoro, avere uno stipendio, sposarsi e fare figli non funzionava per me. Quando ho visto il film Wall Street ho capito che volevo fare qualcosa del genere nella mia vita”.

Bill Perkins all'EPT (photo courtesy Neil Stoddart/Pokerstars)

Bill Perkins all’EPT (photo courtesy Neil Stoddart/Pokerstars)

Così Bill si è messo subito alla ricerca di un lavoro nel mondo della finanza. Dopo tanta gavetta ha trovato una posizione professionale che gli garantiva esattamente ciò che desiderava: prospettive di crescita economica illimitate.

“Ho iniziato a lavorare per un hedge fund nel ruolo più basso possibile. Portavo i panini alle riunioni, guidavo la limousine per i capi in piena notte. Poi ho avuto un po’ di fortuna e mi sono trasferito a Houston, dove ho avuto un bel successo. A quel punto ho creato il mio primo hedge fund personale”.

Quando Perkins parla di “fortuna” ci si aspetterebbe una promozione inaspettata oppure una nuova opportunità lavorativa. E invece si riferisce a un episodio che per chiunque sarebbe stato devastante.

“Il momento chiave della mia carriera è stato un fallimento. Lavoravo per una importante banca svizzera e fui licenziato. All’epoca quel lavoro era il più ambito in assoluto nel mio campo, tutti lo consideravano l’occasione di una vita. E io la sprecai completamente. Mi licenziarono e questo mi diede una grande ridimensionata. Quando hai successo diventi arrogante, essere licenziato mi permise di rimettermi in sesto“.

Dopo aver perso il lavoro si spostò a Houston, dove ripartì quasi da zero. Nel giro di pochi anni fondò il suo hedge fund personale, investì pesantemente sul settore energetico e il resto è storia: oggi il suo patrimonio si attesta intorno al miliardo di dollari.

bill-perkins

Bill Perkins spiega di aver conosciuto il poker quando era già ricco. Per lui resterà sempre un semplice gioco, un hobby come la casa di produzione cinematografica che ha lanciato qualche anno fa per pura passione.

Io gioco a poker soprattutto per socializzare. Mi piace parlare, raccontare storie, ascoltare. Solo dopo viene l’aspetto legato al vincere soldi. Per me è divertente scoppiare la mano di un avversario, bluffare con il nulla cosmico. Tutte queste cose divertenti sono più importanti che vincere, per me. Preferisco prima divertirmi e poi vincere, non il contrario”.

Il motivo principale per cui gioca a poker è la competizione. E non importa quanti soldi ci siano in ballo: alla fine è tutta una questione di orgoglio.

È una questione di orgoglio. Anche se i soldi vinti non hanno un grande impatto sulla tua vita, vuoi dimostrare di essere più forte degli avversari. Quando gioco un torneo da 100.000$ devo concentrarmi, è diverso perché devo obbligarmi a giocare per vincere e non solo per divertirmi. Il mio amico Jeff Gross mi dice sempre di non mostrare mai le mie carte. Eppure a me piace farlo, è divertente soprattutto quando bluffo!”

Grazie al poker Bill è diventato molto amico di Dan Bilzerian. I due girano spesso insieme per feste su cui milioni di uomini possono solo fantasticare. Ingram chiede al suo ospite di rivelare qualche dettaglio su questi party ma Perkins non si sbilancia e si limita a spiegare qual è la “filosofia” dietro alle feste di Bilzerian.

Nascono dalla volontà di praticare l’amore libero. È molto divertente, ci si diverte molto e ovviamente c’è molto sesso“.

dan-bilzerian-bill-perkins

Il suo discorso si sposta poi su un tema di cui ha discusso a lungo con Dan Bilzerian. Tutti i dubbi che i due avevano a riguardo sono spariti quando Dan è diventato uno dei personaggi più noti a livello globale.

“Con Dan abbiamo discusso spesso di cosa renda attraente un uomo. Cosa piace alle donne, insomma. Alla fine abbiamo capito che il primo fattore è senza dubbio la fama, per distacco. Poi il potere e i soldi. Dopo questi tre c’è l’aspetto fisico, e poi forse l’intelligenza“.

In un mondo nel quale gli inguaribili romantici credono che sia la gentilezza d’animo ad attrarre una donna mentre i cinici parlano di soldi e aspetto fisico, Bill Perkins rivela (per esperienza diretta) che la fama è ciò che più di qualsiasi altro fattore attrae la maggior parte delle donne.

Se sei famoso sei automaticamente attraente. Non sono i soldi, ma il fatto di essere riconosciuto per strada, e questo Dan lo ha capito subito. Lui ha una fama internazionale enorme, superiore a quella che ha negli Stati Uniti. Quando siamo stati in Italia era un vero e proprio delirio, non ho mai visto niente del genere. Ci sembrava di essere i Beatles”.

Nel corso del podcast Bill Perkins parla apertamente di sesso. Al giorno d’oggi, dopo essere stato con centinaia di ragazze, sia lui che Dan Bilzerian la pensano allo stesso modo sull’argomento:

“Dan è assolutamente autentico. Dice sempre quello che pensa e non ha paura di dimostrarsi fragile. Non si è fatto problemi, ad esempio, a dichiarare pubblicamente che non trova più divertente il sesso a meno che non sia un’orgia o una cosa a tre. Non si fa il minimo problema a dire di non trovare più eccitante fare sesso con una sola donna. Dan è così e lo ammiro molto per questo motivo”.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento