Gioco legale e responsabile

Curiosità

Sang Liu perde braccialetto e $500k, ma entra nella leggenda con la sua danza “chiama-scoppio”

Altro che riti scaramantici, altro che "good old trick" e gesto del giacchetto! A Sang Liu non importa niente che manchino ancora turn e river ed esulta già. Ma poi...

Scritto da
09/06/2018 17:54

2.951


Esorcizzare la paura di perdere uno showdown è uno spettacolo nello spettacolo. La scaramanzia applicata al poker live conosce diverse “tecniche” ed ha offerto infiniti siparietti, ma quello di Sang Liu è davvero tra i più esilaranti e tragicomici.

La danza “chiama 2” non ha funzionato…

Sing a Sang

Lo statunitense di origini asiatiche, chipleader di inizio final table al WSOP Colossus di quest’anno, era riuscito ad arrivare all’heads up conclusivo e con un croccante match point. Subito dopo aver raddoppiato JJ vs TT, la mano seguente finisce allin con j 10 contro j 8 del brasiliano Felicio su flop 7 3 j .

Il sudamericano ha solo il 12% di chance di ribaltare la situazione e Liu non resiste alla tentazione di esultare. Attenzione perché non si tratta di una semplice esultanza ma di un autentico balletto.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Un’esultanza colorita e dinoccolata, che prosegue dopo il turn k , ormai certo di avere raggiunto il traguardo. In barba a tutte le scaramanzie di questo mondo, Sang continua a ballare e urlare chiamando carte basse come il 2, ma…

La tragedia si materializza sul river, con un 8 che completa lo scoppio. Il colpo darà il via alla contro-rimonta di Felicio, che alla fine vincerà il braccialetto e il milione di dollari in palio.

A Sang Liu restano 500.000$ e una danza liberatoria – con tanto di portachiavi ballerino agganciato al passante della cintura – che passerà alla storia. Per aver “liberato” un 8 al river.

Come il signor Giancarlo

Per certi versi, questa storia ricorda un autentico mito trash della televisione italiana: il signor Giancarlo. Concorrente alla “Ruota della fortuna” di Mike Bongiorno, aveva la possibilità di indovinare la frase e vincere la puntata. Ma l’assist era troppo ghiotto, così scelse di rinunciare al vil denaro per la gloria imperitura…

Tag:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento