Vai al contenuto

EPT Praga: Adinolfi da chipleader a short stack, Sammartino e Castelluccio al Day 2

Nella giornata in cui l’Eureka6 e il Super High Roller da €50.000 andavano a concludersi, è iniziato il Main Event dell’EPT Praga 2016. Il torneo da €5.300 di buy-in ha preso il via con 246 giocatori nel Day 1A per un montepremi che ha già raggiunto quota €1.230.000. Dopo i consueti 8 livelli di gioco, il field iniziale è sceso fino a 117 concorrenti. Tra coloro che si sono qualificati al Day 2 ci sono anche 8 italiani.

EPT Praga: il migliore è Giovannone, passano Sammartino, Castelluccio e Palumbo. Show di Mario Adinolfi

Anche se non è stato il migliore degli azzurri nel Day 1A (in realtà è stato il peggiore) merita una menzione particolare Mario Adinolfi. Il noto politico e giornalista ha approcciato l’EPT Praga con la consueta aggressività che lo ha contraddistinto negli anni. Il suo stile “go big or go home” gli ha fatto vivere una giornata sulle montagne russe: poco prima delle 22:00 era il chipleader assoluto del torneo con 240.000 gettoni (più di quanto sarebbe poi riuscito ad accumulare il chipleader di giornata), ma nel giro di due ore ha perso praticamente tutto lo stack.

Alla fine Adinolfi ha chiuso il Day 1A con 27.000 chips, valide per la 97° posizione. Nella lista degli italiani è ultimo.

Il migliore degli azzurri è stato Luca Giovannone, 38° con 73.700 gettoni. Seguono come Dario Sammartino (46°), Sergio Castelluccio (49°) e Antonino Venneri (54°). Più lontani Roberto Masullo (70°), Alessio Di Cesare (76°) e Rocco Palumbo (91°).

EPT Praga: comanda Henrik “hhecklen” Hecklen

Il chipleader del Day 1A è il regular degli high stakes online Henrik Hecklen, conosciuto su Pokerstars.com come “hhecklen“. Qualcuno lo ricorderà per la seconda posizione dietro Dario Sammartino (e davanti a Ivan Gabrieli) nel torneo WCOOP da $21.000 di buy-in. Il danese ha chiuso a 221.800, unico giocatore sopra quota 200.000. Alle sue spalle il cinese Gang Wang e il tedesco residente in Austria Thomas Muehloecker.

Subito dopo aver chiuso in seconda posizione il Super High Roller, Charlie Carrel si è fiondato nel Main Event (photo courtesy Neil Stoddart/Pokerstars)
Subito dopo aver chiuso in seconda posizione il Super High Roller, Charlie Carrel si è fiondato nel Main Event (photo courtesy Neil Stoddart/Pokerstars)

Non mancano i nomi noti nel field rimanente, a partire dal recordman di ITM nel circuito EPT: Johnny Lodden ha chiuso con l’8° posizione provvisoria. Tra i superstiti segnaliamo un super Tony Dunst (9°), Anthony Zinno (45°), Juha Helppi (66°), Charlie Carrel (83° subito dopo aver chiuso in seconda posizione nel Super High Roller), Dominik Nitsche (85°) e Alexandros “mexican222” Kolonias (102°), a lungo al tavolo con Adinolfi e anche lui short stack dopo aver vissuto swing notevoli nel chipcount.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Al termine del Day 1A, questa è la top 10:

  1. Henrik Hecklen 221800 Denmark
  2. Gang Wang 152000 China
  3. Thomas Muehloecker 151500 Austria
  4. Eduards Kudrjavcevs 146100 Latvia
  5. Pedro Lamarca 140100 Spain
  6. Adrien Allain 135900 France
  7. Dejan Divkovic 135000 Bosnia and Herzegovina
  8. Johnny Lodden 132700 Norway
  9. Tony Dunst 129500 USA
  10. Netanel Amedi 128100 Israel

Questo il chipcount degli italiani:

38. Luca Giovannone 73700
46. Dario Sammartino 61000
49. Sergio Castelluccio 60200
54. Antonino Venneri 56400
70. Roberto Masullo 45500
76. Alessio Di Cesare 42400
91. Rocco Palumbo 32000
97. Mario Adinolfi 27500

COMPARAZIONE GIOCHI