GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Business · Curiosità

Vintage Stock e l’affare da 60 milioni di dollari chiuso a un tavolo 1$/2$ di Las Vegas

Scritto da
04/08/2017 12:00

2.655


Uno dei 60 store della catena “Vintage Stock”

Fra uomini d’affari, gli accordi si chiudono spesso durante una cena o una partita a golf. Qualche volta, però, può accadere anche che affari milionari nascano proprio al tavolo da poker, ed è proprio il caso di Vintage Stock.

Nata negli anni ’80, Vintage Stock è una catena di “memorabilia”, una serie di negozi che vendono un po’ di tutto purchè sia datato: dai film, ai dischi, ai videogame, ai giocattoli e persino ai vecchi poster!

60 store distribuiti un po’ in tutti gli USA, per un business fiorente che il CEO Rodney Spriggs non aveva la minima intenzione di cedere. Poi, però, è accaduto qualcosa.

Rodney Spriggs, qui alle WSOP di Las Vegas

Spriggs è un grande appassionato di poker, e nelle sue estati non manca mai una capatina a Las Vegas, per le WSOP ma non solo. Anche l’estate 2016 non aveva fatto eccezione: così, durante una tranquilla partita 1$/2$ di Pot Limit Omaha che si teneva al Venetian, Spriggs si ritrova al tavolo con accanto Jon Isaac.

Quest’ultimo è un giovane e rampante imprenditore e, a soli 34 anni, è già a capo di una holding chiamata Live Ventures. I due iniziano a parlare di business, Isaac viene a sapere che Spriggs è uno dei tre soci fondatori di Vintage Stock e, tra una mano e l’altra, la cosa si approfondisce.

Il giorno dopo Isaac e Spriggs avevano già trovato una base di trattativa. Quindi, appena tre mesi dopo, l’accordo era già stato siglato e comunicato alla stampa: dal novembre scorso, Live Ventures ha rilevato il 100% di Vintage Stock per la cifra di 60 milioni di dollari!

Fa sorridere il fatto che l’idea di questo grosso affare sia nata mentre si giocava a un tavolo in cui ci si siede al massimo con 4-500 dollari, e gli aneddoti che raccontano i due protagonisti confermano la particolarità della circostanza. Durante quella partita, infatti, pare che Spriggs avesse perso 10 poste proprio contro Isaac, per circa 2mila dollari. “Me li rinfaccia ancora oggi”, rivela divertito Isaac a Card Player. Dal canto suo, Spriggs ha comunque di che essere soddisfatto: “Nonostante quei 10 buy-in, la sessione rimane in assoluto la migliore della mia vita, perchè mi ha portato un profit di 60 milioni di dollari!”

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento