Gioco legale e responsabile

Curiosità

Silenzio, parlano i campioni: 5 frasi che resteranno per sempre nella storia del poker

Le citazioni sono il sale del poker, sono il biglietto da visita dei campioni: alcune finiscono di diritto nella storia, come ad esempio queste cinque.

Scritto da
18/11/2020 13:59

3.820


Quando giocando a poker hai vinto tornei su tornei e milioni su milioni, ti puoi permettere di dire un po’ quello che ti pare, ci mancherebbe. Quando parla un campione, però, c’è sempre da imparare. Così, dopo le 10 citazioni di poker che sono meglio di una lezione di strategia e le 6 perle di saggezza, ecco 5 frasi che resteranno per sempre nella storia del poker.

“Un uomo coi soldi non può nulla contro un uomo con un obiettivo”

Chi l’ha detto? Doyle Brunson.

Una frase che ci fa capire come la determinazione e la voglia di raggiungere i propri obiettivi siano forze superiori a qualsiasi bankroll. Del resto, Brunson è la dimostrazione vivente di come un giocatore abile e che voglia assolutamente vincere può conquistare anche due campionati del mondo di fila, come ha fatto lui a metà degli anni Settanta.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

“Tu fai le chip a modo tuo, che io lo faccio a modo mio”

Chi l’ha detto? Phil Ivey.

Anche se oggi ci sono giocatori che hanno vinto più tornei e più soldi di lui negli MTT, Phil Ivey resta un personaggio dalle doti pokeristiche inarrivabili. Chiedere per conferma a chi bazzica le partite cash di Macao, dove l’americano domina ormai da anni.

Questa frase ci fa capire quanto Ivey sia sicuro del proprio gioco e quanto poco gli importi l’opinione altrui, quando si tratta di giocare per vincere.

 

Gus Hansen poker

Gus Hansen

 

“L’obiettivo del poker è tenere il più possibile lontano i tuoi soldi da Phil Ivey”

Chi l’ha detto? Gus Hansen.

Lo avrà detto scherzando, sicuramente, ma neppure troppo. All’epoca d’oro di Full Tilt, ‘No Home Jerome’ era semplicemente imbattibile: chiunque si sedesse al tavolo contro di lui, era destinato a concedergli una porzione del suo bankroll.

“La differenza tra vincenti e perdenti è che i vincenti puntano, i perdenti chiamano”

Chi l’ha detto? Mike Sexton.

Questa leggenda del poker ci ha lasciato a settembre 2020, ma nel cuore degli appassionati ci sarà sempre uno spazio per un campione non solo al tavolo, ma anche di gentilezza e competenza.

Con questa frase, Sexton riassumeva perfettamente il concetto di aggressività, condizione fondamentale per essere giocatori di poker vincenti nel lungo periodo.

“La cosa bella del poker è che tutti sono convinti di saperci giocare”

Chi l’ha detto? Chris Moneymaker.

L’uomo che ha cambiato per sempre la storia del poker, passando da un satellite online al titolo di campione del mondo nel 2003, ha spinto un’infinità di giocatori a provare il Texas Hold’em. Qualcuno è diventato un professionista, certo, ma molti hanno continuato a sbattere la testa contro il muro nonostante il poco talento a disposizione!

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento