Vai al contenuto

Dota 2 International 2015: distrutto ogni record, montepremi da 18.4 milioni!

Sono davvero pochissime le competizioni in grado di raggiungere montepremi elevati quanto quelli del Main Event WSOP, considerato unanimemente il torneo di poker più importante al mondo. Una di queste è senza ombra di dubbio il Dota 2 International, torneo che si svolge ogni anno a Seattle e che raduna le migliori squadre di Dota 2 al mondo.

Dota 2 è un videogioco free to play sviluppato da Valve Corporation nel quale il giocatore fa parte di un team che ha il compito di distruggere la fortezza avversaria. Nel format di Seattle le squadre sono composte da 5 player e la struttura prevede una prima fase a gironi con otto squadre in ciascuno dei due raggruppamenti. Questo serve a determinare i due gironi finali: quello superiore con le prime otto classificate e quello inferiore con le altre otto. Ancora una volta si scontrano i team del rispettivo gruppo e in base alla graduatoria vengono fuori i finalisti.

Quest’anno il Dota 2 ha infranto tutti i record per quanto riguarda il mondo degli eSports, con un montepremi finale che ha raggiunto l’incredibile cifra di 18.416.970$, più di otto milioni di dollari rispetto all’edizione dello scorso anno. Questo il payout per i primi quattro classificati:

  1. 6.634.660$
  2. 2.856.590$
  3. 2.211.553$
  4. 1.556.517$

Si tratta di numeri pazzeschi se si pensa che in questa competizione non esiste nemmeno il buy-in. Il prizepool, infatti, viene generato in una maniera estremamente innovativa: sono gli stessi appassionati e spettatori sparsi nel mondo a versare una quota per dare vita al montepremi finale. Questo sistema è possibile grazie al cosiddetto Compendium, una sorta di shop online dove qualsiasi giocatore può acquistare oggetti e tool utili per migliorare l’esperienza di gioco in Dota 2. Da ogni singola transazione viene trattenuto il 25%, che va a formare il prizepool.

È facile intuire quanto sia popolare Dota 2 se si è arrivati ad accumulare più di 18 milioni di dollari grazie a questo meccanismo. D’altronde i numeri parlano chiaro: per la finalissima trasmessa in diretta su Twitch (così come tutte le altre partite) c’erano 4.5 milioni di spettatori connessi. Un fenomeno globale straordinario, anche se poco conosciuto alle nostre latitudini.

Scopri tutti i bonus di benvenuto
hqdefault
Elky ai tempi di World Of Warcraft in Corea

A vincere è stato il team statunitense Evil Geniuses, che con questo trionfo ha portato a casa 6.6 milioni di dollari e ha infranto due record: si tratta dell’incasso più grande di sempre per una squadra americana negli eSports e il membro del team Sumail Hassan Syed è diventato il più giovane giocatore di sempre ad aver incassato più di un milione di dollari. Il ragazzino di origini pachistane ha infatti portato a casa un assegno da circa 1.32 milioni di dollari alla tenera età di 16 anni, 2 mesi e 16 giorni. La stessa somma di denaro è stata vinta dai suoi quattro compagni. In seconda posizione si sono fermati i cinesi del CDEC Gaming, che hanno pur sempre conquistato 2.8 milioni di dollari (circa 560.000$ a testa).

Anche nel mondo del poker ci sono tanti appassionati di eSports come Daniel Cates e Griffin Benter, ma è soprattutto Bertand Grospellier il più ferrato in materia: quando era più giovane, Elky era un professionista di World Of Warcraft e giocava in Corea del Sud, dove era un idolo per migliaia di appassionati. Chissà se vedendo la finalissima di Dota 2 (che in parte deriva proprio da WOW) non gli sia venuta un po’ di nostalgia dei bei tempi andati… Sicuramente il primo premio da 6.6 milioni di dollari ha attirato la sua attenzione.

COMPARAZIONE GIOCHI