Gioco legale e responsabile

Come pensano i Pro

Mustapha Kanit spiega l’hero fold contro Schemion: “A volte devi semplicemente mantenere lo stack”

Mustapha Kanit ha spiegato perché ha foldato Q-Q preflop contro Ole Schemion al final table dell'high roller da €100.000 all'EPT Montecarlo 2016. Musta lasciò tutti a bocca aperta per l' hero fold preflop contro il push Ole Schemion.

Scritto da
03/08/2021 18:00

10.511


Mustapha Kanit è uno dei giocatori più forti al mondo, nonostante sia ancora molto giovane. Questo titolo se lo ha guadagnato con risultati pazzeschi ma anche con alcune giocate semplicemente fenomenali, che solo un professionista estremamente preparato e talentuoso può compiere con la piena consapevolezza di ciò che sta facendo.

Di esempi ce ne sarebbero a non finire, ma la forza dominante del nostro connazionale è stata lampante soprattutto al final table dell’high roller da €100.000 di buy-in dell’EPT Monte Carlo di quest’anno, quando riuscì a trovare un incredibile hero fold contro un altro fenomeno come Ole Schemion. Avevamo già avuto modo di riportare la mano, ma ora che è stata pubblicata la puntata editata sul canale Youtube di Pokerstars, possiamo anche ascoltare l’analisi di Kanit, che ha spiegato il motivo per cui ha scelto di passare una monster hand come Q-Q.

Ricapitoliamo brevemente lo spot in questione. Siamo a 6 left, con tutti i giocatori a premio per almeno €378.750 e il primo premio è fissato in oltre 2 milioni di euro. Ole Schemion (4° in chips con 2.070.000) spilla k k da UTG e rilancia a 125.000. Igor Kurganov (3° in chips con 3.660.000) ha k q e dal cutoff piazza la 3-bet a 335.000. Mustapha Kanit (2° in chips con 3.730.000) scopre di avere q q e dopo averci pensato per qualche secondo 4-betta fino a 835.000.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

ole-schemion

La parola torna a Schemion, che senza tanti pensieri va all-in per 2.055.000. Kurganov folda immediatamente e l’action passa a Musta. “Mustapha ha odds di 3 a 1, mi stupisce che non abbia già fatto call”, commenta Joe Stapleton in telecronaca. Effettivamente l’italiano ha tutto per chiamare il push: lo stack che gli permetterebbe di restare in gioco anche in caso di sconfitta, l’equity di una monster hand come Q-Q e le odds.

Invece inizia a contare le chips, poi guarda il suo avversario e ragiona profondamente sull’action. Alla fine, dopo averci pensato a lungo, sceglie di foldare la sua mano. Un autentico hero fold che durante la diretta in streaming del final table lasciò tutti a bocca aperta.

“Spero che non abbia overplayato alcuna mano”, commentava a caldo Kanit rivolgendosi a Kurganov. “Andavo per value… Non so, spero che non abbia overplayato A-K”. Come sappiamo, Schemion aveva proprio una delle due mani in netto vantaggio su Q-Q, quindi la mossa di Musta si è rivelata assolutamente vincente.

Non sono un tipo a cui piace foldare, davvero“, ha dichiarato più tardi analizzando lo spot per Pokerstars. “Ma tutte le mie informazioni mi hanno portato a foldare. Magari sembra molto weak non chiamare una 3-bet quando si ha una buona equity e buone odds, ma è semplice: mantenere lo stack è più importante che chiamare una 3-bet o vincere un grosso piatto in quel momento“.

mustapha-kanit

Il discorso di Musta sembra proprio incentrato sulla situazione particolare, che va analizzata singolarmente perché non capiterà molte altre volte: “Puoi studiare tutta la teoria del poker che vuoi, ma quando sei lì, in un torneo da €100.000, sai che prendere meno spot marginali possibili contro avversari fortissimi è la strategia giusta“.

Mustapha Kanit ha poi concluso il torneo in seconda posizione, incassando €1.462.000 dopo aver stretto un deal con Ole Schemion, a cui sono andati €1.597.800. Anche il tedesco è stato grande protagonista grazie a due hero call sensazionali con A-high.

Questo il video editato dell’imperdibile final table dell’high roller da €100.000 dell’EPT di Montecarlo 2016: