Vai al contenuto

I 20 uomini più potenti del poker mondiale nel 2013

daniel-negreanuLa rivista Bluff Magazine, come ogni anno, ha stilato la prestigiosa classifica delle 20 persone più potenti ed influenti nel mondo del poker.

C’è da fare una premessa: la giuria – composta da 60 membri (tra giornalisti e manager di settore) – ha elaborato la graduatoria tenendo in considerazione gli equilibri economici e politici del mercato statunitense, non dando però molto peso alle vicende europee dell’e-gaming.

Per questo motivo, la top 20 è composta da personaggi che hanno un’influenza significativa soprattutto in Nord America.

Si conferma al primo posto il fondatore di PokerStars e proprietario di Rational Group, Isai Scheinberg che però – in virtù dell’accordo con il Dipartimento di Giustizia statunitense – ha dovuto (a livello formale) fare un passo indietro ed assumere la carica di Chief Technology, rinunciando al ruolo di Chief Executive Officer (CEO) del gruppo, lasciando il timone in mano al figlio Mark.

La famiglia Scheinberg al momento controlla le prime due rooms mondiali (PokerStars e FullTiltPoker) ed ha acquistato un casinò ad Atlantic City. Ha rilevato quote anche dell’Hyppodrome di Londra, dove ha inaugurato una sala live brandizzata (come a Madrid e Macao).

Sulla piazza d’onore Mitch Garber, manager che nel 2009 ha lasciato PartyGaming per creare la succursale Interactive di Caesars Entertainment: con la legalizzazione del poker online in Nevada, i fatti gli stanno dando ragione e Caesars sta forzando la mano per veder riconosciuto il poker online in tutti gli States. Funzionale al disegno – e pedina fondamentale nella lobby dei casinò di Las Vegas – è Harry Reid (4° in classifica), leader dei democratici in Senato e braccio destro del presidente Obama nel Congresso.

Sul gradino più basso del podio l’amministratore delegato di Bwin.Party Norbert Teufelberger. Dopo le dimissioni di Jim Ryan (l’ex co-CEO), il suo potere all’interno della multinazionale europea e dell’industria dell’e-gaming è incontrastato: Bwin-Party sarà il service provider in Nevada di società come MGM e Zynga e cercherà di recitare un ruolo di primo piano nel mercato statunitense con il brand WPT.

Tra i giocatori più influenti sono stati citati Daniel Negreanu (sesto), Tony G (13esimo) e Antonio Esfandiari (20esimo). Non sono comparsi in classifica due giocatori molto noti come Phil Ivey e Doyle Brunson. 

New entry anche per il ricchissimo Guy Laliberte che ha fondato il Cirque du Soleil (è il paperone numero 464 sulla lista di Forbes tra le persone più ricche del mondo). Ha organizzato nel 2012 il Big One for One, il torneo più ricco della storia del poker (vinto proprio da Esfandiari) ed ha raccolto nell’occasione fondi benefici per 5,3 milioni di dollari. Non male come inizio…

Ecco la classifica:

1 – Mark e Isai Scheinberg
Proprietari PokerStars/Rational Group

2 – Mitch Garber
CEO Caesars Interactive Entertainment

3 – Norbert Teufelberger
CEO bwin.party

4 – Harry Reid
Senatore eletto nel Nevada, Leader Democratico

5 – Ty Stewart
Direttore esecutivo WSOP/Vice presidente Senior Caesars Int. Ent.

6 – Daniel Negreanu
Professional Poker Player

7 – Gary Loveman
Presidente e CEO, Caesars Ent. Corp

8 – Mark Pincus
Fondatore e CEO, Zynga

9 – Frank e Lorenzo Fertitta
Co-Founders, Fertitta Interactive

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

10 – A.G. Burnett
Presidente Nevada Gaming Control Board

11 – Raymond Lesniak
Senatore New Jersey

antonio-esfandiari12 – Chris Christie
Governatore New Jersey

13 – Tony G
Proprietario PokerNews.com

14 – Brian Balsbaugh
Fondatore PokerRoyalty

15 – Dominik Kofert
CEO PokerStrategy

16 – Edgar Stuchly
Presidente European Poker Tour

17 – Guy Laliberte
Fondatore One Drop

18 – Steve Heller
CEO World Poker Tour

19 – Matt Savage
Direttore esecutivo World Poker Tour

20 – Antonio Esfandiari
Professional Poker Player

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo. Editor in Chief.