Vai al contenuto

I Monopoli confermano: “Si alla liquidità ‘regionale’ con la Francia nel poker online” e nel betting exchange…

In queste settimane abbiamo raccolto diverse informazioni che andavano nella direzione italofrancese ed ora la conferma ufficiale arriva dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM), in particolare dall’autorevole penna della responsabile dell’online Daria Petralia. Come segnalano i colleghi di GiocoNews, l’occasione per parlare dell’ambizioso progetto sulla liquidità condivisa nel poker online è stato il Quaderno giuridico dedicato all’e-gaming di Lexandgaming ed Eurispes.

italia-francia-poker

A Daria Petralia è stato affidato uno dei capitoli e temi più delicati, quello relativo alla liquidità internazionale.

La giovane dirigente ha definito il progetto più interessante quello a base “regionale” con la Francia. La speranza è che vengano concordate condizioni tali per rendere la liquidità condivisa un trampolino di (ri)lancio per il poker online.

“Un tema molto complesso – scrive la Petralia – nel quale il ruolo del regolatore dovrà essere quello di approfondire le questioni sotto il profilo normativo e tecnico con l’obiettivo della protezione massima del cittadino-giocatore. Ci sono molti fautori della liquidità internazionale, specie per il poker ma anche per betting exchange e bingo. L’ipotesi che si sembra più sicura è quella di una liquidità regionale rispetto a quella internazionale e, seguendo la strada segnata dall’Arjel francese, seguiremo quella via“.

Nella sua relazione la dirigente dei Monopoli fa riferimento al progetto non solo applicato al poker online (sia tornei che cash game ma anche al betting exchange ed altri giochi come bingo, lotterie e games con jackpot progressivi.

C’è da dire che in Francia i casinò non sono stati autorizzati così come non è regolamentato il betting exchange. Quindi nel breve periodo l’unico progetto realizzabile è nel poker online.

Nella sua relazione la Petralia spiega in maniera dettagliata perché è favorevole ad una liquidità condivisa con la Francia (a base regionale) rispetto ad una soluzione più internazionale.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Sulla stessa lunghezza d’onda il direttore dei Monopoli, Alessandro Aronica: “con tutta probabilità nuovo impulso riceverà il settore del gioco online allorquando saranno in vigore accordi sulla cosiddetta liquidità internazionale o condivisa, ovvero sulla possibilità di poter fare interagire giocatori di diverse nazioni, titolari di un conto gioco verificato con un operatore autorizzato.

La Francia ha presentato all’Unione Europea una proposta di legge per consentire ai propri cittadini che utilizzano siti di poker nazionali autorizzati di poter giocare contro altri cittadini europei che si trovano in un altro Stato membro dell’Unione europea o in uno Stato parte dell’accordo sullo Spazio economico europeo.

Il periodo di tempo in cui la proposta è a disposizione degli altri Stati Europei per eventuali correzioni o modiiche è scaduto il 6 settembre 2016 senza che nessuna osservazione sia stata formulata dalla Commissione Europea. Con questa misura l’Autorità di regolamentazione dei giochi online può autorizzare un operatore, già abilitato per i ‘jeux de cercle’ online, a proporre ai giocatori in possesso di un conto valido iscritti sul sito, di partecipare ai jeux de cercle” con i giocatori iscritti sul sito di un operatore residente in uno Stato membro dell’Unione europea o di uno Stato parte dell’accordo sullo Spazio economico europeo.

La predetta autorizzazione è comunque subordinata alla conclusione di una convenzione tra l’Autorità di regolamentazione francese e quella del Paese in cui l’operatore europeo è stabilito. Nel prossimo futuro il nostro Paese sarà forse il primo a poter esplorare, anche in ragione della affinità con il modello francese, le opportunità e le difficoltà di questa prospettiva“.

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.