GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Business

L’affare del decennio: la fusione GVC-Ladbrokes lascerà il segno anche nel poker online

Scritto da
10/10/2017 15:30

895


Proseguono le fusioni in Gran Bretagna: da mesi si parla di una clamorosa incorporazione di GVC (proprietaria di PartyPoker e di Bwin) con il gruppo Ladbrokes-Gala (che controlla i brand Coral-Eurobet). Un’operazione da 3,6 miliardi, sterlina più, sterlina meno.

Secondo il Financial Times i due colossi del betting stanno chiudendo uno storico deal che creerà uno dei più forti gruppi di gambling d’Europa sia nel terrestre che nell’online

Il CEO di GVC Kenny Alexander ha avuto il merito di guidare il gruppo a diverse acquisizioni e rilanciare PartyPoker

Due anni fa GVC vinse l’asta per acquistare Bwin-Party per 1,7 miliardi e sotto la gestione del CEO Kenny Alexander, PartyPoker sta rivivendo una seconda giovinezza sia nell’online che nei tornei live. Lo storico brand è tornato ad essere la quarta piattaforma mondiale nel cash game internazionale e con questa operazione potrebbe rafforzare in modo sensibile la propria liquidità.

GVC-Ladbrokes: le conseguenze nel poker online

Se le indiscrezioni del Financial Times dovessero rivelarsi giuste, le skin di Eurobet e Ladbrokes dovrebbero passare dal network di iPoker a quello della famiglia di Party (che in Italia è attiva con Bwin e Gioco Digitale). Ma nulla è così scontato, nel senso che l’operazione non è ancora conclusa e non sembra neanche immediata la migrazione delle due rooms su Party. Ma l’affare, in teoria, potrebbe essere sulla carta molto vantaggioso per il network.

Si tratta di due skin storiche e molto popolari, nel mercato britannico ma anche scandinavo (Ladbrokes) e italiano (Eurobet).

Il business tra online e terrestre

Ladbrokes è stata per anni nel network di Microgaming prima di passare sotto la piattaforma di Playtech. Ladbrokes, nei primi anni 2000, possedeva quote importanti di mercato del poker e del casinò negli Stati Uniti prima del 2006, anno di entrata in vigore dell’UIGEA. D’altronde stiamo parlando di quello che fino a 5 anni fa era considerato il primo book mondiale e che era dal 1999 al 2006 ha posseduto la nota catena Hilton Hotel.

GVC possiede diversi brand noti nel panorama del gambling online: Bwin, Party Gaming (PartyPoker), SportingBet e ParadisePoker (uno dei primi siti di poker online nella storia).

Gala-Ladbrokes è uno dei più potenti gruppi britannici sul terrestre considerando la catena di casinò, sale bingo e agenzie scommesse oltre ai brand online forti come Eurobet e la stessa Ladbrokes.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento