Gioco legale e responsabile

Business

Ray Bitar (Ceo Full Tilt): “presto una buona notizia…”

Scritto da
07/03/2012 09:59

4.540


ray-bitarDopo aver perso la parola per  10 mesi, il grande inquisito Ray Bitar, direttore esecutivo di Full Tilt Poker, ha parlato in queste ore per la prima volta a seguito del black-friday, chiedendo scusa ai poker players e tutte le persone che hanno subito danni a causa distacco della red room.

Può essere un segnale positivo il fatto che l’amministratore delegato sia voluto uscire allo scoperto? E’ stato per 10 mesi in silenzio e non avrebbe alcun interesse a parlare senza certezze sulla vendita e l’accordo con le autorità statunitensi. Il prolungarsi dell’attesa ha però minato la fiducia dei players ed, in tutti i casi, siamo in una fase delicatissima dell’operazione, quindi meglio mantenere la massima prudenza.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Il manager californiano, uomo di fiducia di Chris Ferguson, ha promesso: “spero di darvi presto una buona notizia”. Per tutto il resto le sue parole sembrano di circostanza e lasciano il tempo che trovano, considerando che stiamo parlando dell’artefice principe della disfatta finanziaria di Full Tilt Poker. Per mesi, Bitar ha tenuto celato un buco da quasi 300 milioni di dollari a quasi tutti gli azionisti. Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio.

L’amministratore delegato ha spiegato che il suo silenzio era imposto da ragioni di strategia giudiziale (è stato rinviato a giudizio nel processo in corso a New York). Una scusa mal motivata visto che la room poteva (e doveva) aggiornare – con una certa regolarità – i propri clienti sulle trattative e le modalità di rimborso, anche con comunicati anonimi, senza coinvolgere direttamente la figura dell’amministratore inquisito.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Da Dublino invece la comunicazione è stata a dir poco insufficiente e sporadica.  Bitar ha assicurato di aver lavorato nel silenzio in questi mesi, con un unico obiettivo: rimborsare tutti i players e garantire un futuro a Full Tilt Poker, collaborando con il Dipartimento di Giustizia statunitense.

Un cauto ottimismo lo denota anche l’avvocato di Bernard Tapie, Behnam Dayanim che ha ribadito i concetti espressi alcuni giorni fa: “abbiamo prorogato le trattative di alcune settimane al fine di trovare l’accordo. Sono ragionevolmente fiducioso ma le certezze le avremo solo alla conclusione. I debiti dei players rimangono un problema ma stiamo lavorando su questo fronte”. 

Confermato anche l’arrivo di un nuovo partner; a Dublino assicurano che sarà un nome rilevante ma ancora non si conoscono i dettagli dell’operazione; tutto sembra prematuro, almeno fino all’annuncio ufficiale della vendita.

Esprimi la tua opinione sulle dichiarazioni di Ray Bitar sul nostro forum!