Gioco legale e responsabile

Business · WSOP 2018

World Series of Poker: 1.200 dealer impiegati, ecco quanto hanno guadagnato

Ben 2.000 dipendenti impiegati solo per le WSOP, con 1.200 dealer impegnati: svelati i guadagni degli operatori delle World Series of Poker e la storia di Daniel Harris.

Scritto da
23/07/2018 12:22

7.202


Caesars Entertainment ha assunto circa 2mila dipendenti part-time in occasione delle WSOP: 1.200 erano dealer. Numeri record che testimoniano la grande organizzazione della multinazionale di Las Vegas per ospitare al Rio Casinò i campionati mondiali di poker.

Seth Palansky ha reso noti i numeri dell’ultima edizione: 124.000 players partecipanti, 18.000 premi distribuiti per un totale di oltre 270 milioni di euro. Pensate che l’action è stata garantita in circa 525 tavoli al Rio Convention Center.

Tra i 1.200 ai tavoli a distribuire le carte, c’era anche Daniel Harris, nominato dealer dell’anno per le World Series 2018.

Originario del Mississipi, a 56 anni, Daniel da più di un decennio fa il dealer a tempo pieno, girando tutti gli States: dai tornei sul Lago Tahoe a Baltimora, fino alla costa Orientale a Biloxi nel sud. “Ho viaggiato per tutta la nazione, ho visitato tantissime città e conosciuto tutti i piatti tipici delle varie località”.

Grazie al boom dei tornei di poker negli USA scoppiato nei primi anni 2000, vi è ancora forte domanda di dealer dall’altra parte dell’oceano Atlantico. C’è innanzitutto WSOP Circuit con circa 45 eventi all’anno, dei quali ben 28 negli States. C’è poi il World Poker Tour che fa visita a quasi tutti i casinò del paese: ogni tappa dura circa 12 giorni in media.

Ci sono parecchie persone che fanno questo mestiere a tempo pieno e ben retribuito, sempre però con una valigia in mano e con migliaia di miglia da fare ogni anno.

L’evento clou sono le WSOP: la paga è di 41 dollari l’ora oltre le mance e c’è anche la possibilità di fare straordinari (oltre le otto ore al giorno) secondo quanto rivelato da Seth Palansky, portavoce delle World Series of Poker: “alcuni scelgono di lavorare 6 giorni la settimana e di massimizzare i loro guadagni”.

In genere, “la maggior parte dei dealer delle WSOP si mette in tasca circa $ 10.000 durante l’evento ma c’è chi può arrivare a guadagnare anche $ 15.000”. La paga è buona, l’unico svantaggio negli States riguarda il fatto che i dealer sono considerati dei lavoratori autonomi e non hanno assicurazione sanitaria ed altri benefici previdenziali.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Harris viaggia per circa sei mesi ogni anno (con l’amica conosciuta nel 2006 alla scuola di croupier) ed ha deciso di accettare la maratona delle WSOP per pagare gli studi alla figlia che ambisce a diventare infermiera (il corso costa 12.000 dollari).

Per questo per la prima volta si è presentato al Rio Casinò: il suo duro lavoro e la sua esperienza non sono però stati sottovalutati anzi, è stato nominato dealer dell’anno per le WSOP 2018.

Dopo due settimane di meritate vacanze, nei primi giorni di agosto, volerà in North Carolina per un torneo di poker a Cherokee.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento