Vai al contenuto

Chi è Matt Kirk, il gambler australiano che ha bruciato 4 milioni in pochi giorni all’Aria

La scorsa estate gli appassionati di cash game high stakes hanno potuto osservare una delle migliori partite mai trasmesse in televisione: quella dell’Aria Super High Roller, sessione andata in scena parallelamente al torneo da 500.000$ ospitato nel noto casinò di Las Vegas. Si trattava di un tavolo 8-handed che ha visto protagonisti alcuni dei più forti professionisti al mondo (da Daniel Negreanu a Phil Ivey passando per Patrik Antonius) e diverse note whale di Sin City. A rubare la scena a tutti, però, ci ha pensato un australiano fino a quel momento praticamente sconosciuto: Matt Kirk.

Presentatosi come “Aussie Matt“, il giovane ha fin da subito mostrato uno stile iper aggressivo, senza tuttavia apparire mai realmente pericoloso per i suoi avversari. Ai più, infatti, Kirk è apparso come una preda a quel tavolo, certamente non come un predatore. Considerando anche le ingenti perdite rimediate durante la sessione (ha perso lo stack almeno due volte), in molti si sono chiesti chi fosse questo ragazzo di appena 28 anni con le possibilità economiche di sfidare i migliori giocatori di poker al mondo.

Tutte le informazioni ufficiali che si hanno sul conto di Matt Kirk arrivano dalle interviste che lui stesso ha rilasciato a margine della sessione di cash game high stakes dell’Aria. L’australiano ha raccontato di aver iniziato a giocare a poker a 18 anni nel casinò di Perth. Secondo il suo racconto, dopo aver scalato tutti i limiti disponibili e aver piegato tutti i regular della poker room, si sarebbe spostato verso le partite private australiane. Lì avrebbe vinto milioni di dollari giocando contro ricchi gambler annoiati, e sarebbe riuscito a costruirsi un bankroll talmente grande da potersi permettere swing da quattro milioni di dollari: a questa somma, infatti, ammontano le perdite rimediate durante la trasferta in terra americana della scorsa estate.

Questa informazione l’ha data lui stesso durante la diretta streaming, ma non è l’unica dichiarazione forte che ha rilasciato nella più totale indifferenza. Kirk ha anche dichiarato di aver giocato in partite più ricche del Super High Roller Cash Game (dove il buy-in minimo era di 200.000$) e di non essere all’altezza nel No-Limit Hold’em, ma di averci giocato solo perché si annoiava. La sua specialità, infatti, sarebbe il Pot-Limit Omaha e pur di giocare contro gli stessi avversari ma con le quattro carte in mano sarebbe stato disposto a pagare “un sacco di soldi“.

[youtube] https://www.youtube.com/watch?v=wEIsKlfpIak[/youtube]

Il clamoroso bluff subito da Matt Kirk

Si tratta quindi di un vero e proprio personaggio, ma, come sempre succede quando si parla di coloro che si raccontano da sé, senza fornire prove tangibili di ciò che dicono, si sono sparse molte voci sul suo conto che lo dipingerebbero in maniera ben diversa dall’immagine di “self-made millionaire” che ha trasmesso durante le interviste. Più utenti di Twoplustwo, infatti, raccontano di averci giocato contro in Australia nel corso degli anni e di ricordarlo come un giocatore estremamente loose e perdente. Secondo alcuni di loro, in realtà il suo bankroll enorme deriverebbe dai milioni di dollari ereditati dal padre, che avrebbe alle spalle un passato poco nitido. Questo aspetto ha spinto qualcuno a etichettare Kirk come il nuovo Dan Bilzerian: un gambler che si vanta di vincite astronomiche in fantomatiche partite private, ma che in realtà vive una vita ballas grazie al patrimonio ereditato dai genitori.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

La verità in questo caso è ancora più difficile da scovare, vista la scarsissima esposizione mediatica di Matt Kirk. Quello che resta certo è che l’australiano ha lasciato il segno nel mondo del poker con una semplice apparizione televisiva, seppur negativa in termini monetari. Chissà se in futuro lo vedremo ancora a qualche partita nosebleed… sicuramente per lo spettacolo non sarebbe niente male.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta