Gioco legale e responsabile

Curiosità

Parla ‘cumicon’, il reg da 7.4 milioni vinti: “Non voglio mai più lavorare, ho dedicato 5 anni solo al poker”

Cumicon, il reg degli High Stakes Online che ha sconvolto tutti con un grafico da 7.4 milioni di dollari, parla pubblicamente e dice: "Non lavorerò mai più"

Scritto da
30/11/2017 15:30

8.107


Recentemente abbiamo riportato i risultati  irreali di un regular degli High Stakes poco noto, che si cela dietro il nickname “cumicon“. Sul suo conto si sapeva ben poco, se non che fosse uno specialista del PLO capace di vincere 7.4 milioni di dollari in 5 anni. Come se questo dato non fosse sufficientemente assurdo, “cumicon” ha ottenuto questo profitto runnando sotto EV di un milione di dollari e soprattutto mantenendo un VPIP dell’89% su un milione e mezzo di mani.

Grazie al contributo del solito Joe Ingram, oggi possiamo dare un volto e un nome a “cumicon”. Si chiama Cullen Connors ed è un ragazzo di circa trent’anni, che è riuscito – incredibilmente – a restare nel più totale anonimato nonostante un winrate leggendario.

Cullen “cumicon” Connors

Chi è “cumicon”, il reg high stakes da 7.4 milioni vinti in 5 anni

“Onestamente, non credo di aver mai visto un grafico e delle statistiche del genere. Né nel PLO, né nel No-Limit Hold’em”, ha detto Joe Ingram per presentare il suo ospite. Di fronte a queste parole, Cullen si è concesso un raro sorriso, perché nel corso della chiacchierata ha voluto sottolineare in più occasioni che i suoi risultati sono arrivati solo grazie a uno sforzo personale enorme.

Non a caso, oggi “cumicon” ammette di non provare più alcuna soddisfazione nel giocare a poker, se non quella meramente monetaria. Motivo per cui, arrivato a un profitto del genere, ha scelto di ritirarsi anche se avrebbe ancora molto da vincere.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Non mi piace più giocare a poker“, ha detto Connors. “Un altro grande fattore che mi ha spinto a ritirarmi è che sono un cittadino americano. Questo stile di vita (su e giù dal Canada, ndr) fa schifo. Negli ultimi cinque anni ho vissuto 2-3 mesi in Canada e uno a casa negli States, 2-3 mesi in Canada e uno a casa negli States… tutto questo per cinque anni. Non è ciò che voglio fare nella mia vita“.

Bonus immediato di 30€ su Lottomatica, per Poker Scommesse e Casinò. Registrati da questo link e inserisci il codice SUPER30!

multiprodotto_300x250_ita

“Volevo vincere una certa cifra e poi ritirarmi”

Il suo grafico da capogiro ha inizio cinque anni fa, poco dopo il Black Friday, quando fu costretto ad emigrare per poter continuare a grindare.

“Cinque anni fa pensai che se mi fossi impegnato al massimo e avessi lavorato con grande determinazione, avrei vinto abbastanza da potermi ritirare in giovane età. Presi quella decisione e mi trasferii in Canada, in quel momento inizia il grafico. Pensavo che ci avrei messo 10 anni e invece ci ho messo 5 anni per arrivare al mio numero magico. Sono felice perché non credo che ce l’avrei fatta a vivere in questo modo per altri 5 anni”.

Come accennato nell’introduzione, Connors ha detto più volte (con parecchia amarezza) di aver vissuto gli ultimi cinque anni con pochissima serenità. Certo, 7.4 milioni di dollari sono tantissimi, ma a quanto pare è proprio vero che i soldi non fanno la felicità.

“Onestamente mi sembra di aver messo in stand-by la mia vita per cinque anni con l’unico obiettivo di fare soldi. Per cinque anni la mia vita non è stato altro che poker, non ho vissuto. Ora voglio più equilibrio”.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Il grafico di “cumicon”

Cullen Connors: “Non voglio mai più lavorare”

Connors non dice precisamente quanto ha messo da parte (il grafico non tiene conto della rakeback, ad esempio), ma sicuramente si tratta di svariati milioni di dollari. Un patrimonio sufficiente per realizzare il sogno di tutti: non dover lavorare più nemmeno un giorno della sua vita.

“Non voglio più dedicare tempo della mia vita al lavoro. Non sono miliardario, ma ho abbastanza soldi per poter vivere un’esistenza molto confortevole senza dover più lavorare. La mia passione più grande fin da bambino è lo snowboard e l’ho messa da parte completamente negli ultimi cinque anni. Ora voglio rimettermi a fare snowboard per tutto l’inverno. E poi voglio fare tutto ciò che mi passa per la testa”.

Come detto, quando Connors ripensa al suo percorso milionario, lo fa con un po’ di amarezza, perché la vita da pendolare tra USA e Canada è stata per lui sinonimo di grande insoddisfazione personale. Al tempo stesso, però, esprime un concetto di cui aveva già parlato anche Charlie Carrel: a volte è necessario inserirsi in una situazione priva di piaceri per concentrarsi al 100% e raggiungere i propri obiettivi.

“Fin dall’inizio non vedevo l’ora di raggiungere questo obiettivo. Se non ci fosse stato il Black Friday, sicuramente non sarei nella posizione in cui mi trovo ora. Non avrei fatto tutti questi soldi perché non avrei giocato così tanto e così concentrato. Negli Stati Uniti, con i miei amici e famigliari vicino, avrei avuto molte distrazioni e avrei ottenuto meno”.

La vita di un grinder da 7.4 milioni di dollari vinti

Tutti sanno che il mestiere del grinder è molto duro, ma precisamente, in cosa consisteva la vita di Cullen “cumicon” Connors per spingerlo a non voler giocare mai più a poker?

Il diretto interessato lo spiega con grande schiettezza.

La mia giornata lavorativa durava anche 15 ore, ma non ero impegnato a giocare. Per la maggior parte del tempo, dovevo solo aspettare: aprivo tutti gli slot possibili su tutte le poker room e aspettavo un avversario. Nell’attesa c’era tanta televisione, tanti libri letti, tanto internet. Non è stato piacevole o divertente. Passavo almeno 10 ore al giorno al computer con i tavoli aperti. Di queste, solo tra le 2 e le 5 ore erano passate a giocare effettivamente“.

Dopo cinque anni vissuti in questo modo, Cullen vuole abbandonare il Canada e iniziare a godersi i soldi vinti.

“La mia famiglia vive a New York, ma non tornerò a vivere lì. Voglio vivere sulle montagne, da qualche parte a Ovest. Nel Wyoming o in Colorado, magari. Voglio fare quello che mi piace“.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento