GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

[VIDEO] Daniel Negreanu sfida la macchina della verità: riuscirà a bluffarla?

Un bluff è come una bugia: per questo motivo, nel 2009 Daniel Negreanu è stato invitato a sfidare la macchina della verità. Ecco com'è andata

Scritto da
06/08/2017 14:44

1.484


Non ci sono differenze tra un bluff e una bugia. Poco importa che ci si trovi al tavolo da poker oppure nella vita reale: in entrambi i casi si cerca di ingannare la persona con cui stiamo interagendo facendole credere qualcosa di falso.

Affinché un bluff funzioni, si devono seguire le stesse regole che fanno funzionare una buona menzogna: raccontare una storia credibile, recitare nel migliore dei modi e mantenere il sangue freddo.

Questo significa che un buon giocatore di poker sia anche bravo a mentire?

Daniel Negreanu è sempre stato convinto che sia così: un buon bluffer è anche un ottimo bugiardo. Così, nel 2009, un team di scienziati lo ha sfidato pubblicamente per vedere se fosse effettivamente in grado di ingannare anche la scienza.

Daniel Negreanu contro la macchina della verità

A ospitare la sfida, è stato il programma televisivo Sports Science. Daniel, presentato come uno dei più forti giocatori di poker live al mondo, fu sottoposto a una serie di test con la macchina della verità utilizzata durante gli interrogatori dell’FBI.

Sia chiaro: non si tratta di un esperimento a tutti gli effetti, ma di uno show televisivo con un taglio molto leggero. Lo stesso Daniel Negreanu appare per l’intera durata dell’episodio rilassato e sorridente.

Tuttavia, nonostante l’atmosfera leggera e spensierata, questa sfida fa capire che anche un ottimo poker player non avrebbe alcuna possibilità di ingannare la macchina della verità.

Daniel Negreanu battuto dalla macchina della verità

“Il poker è tutta una questione di giocare sulle persone”, spiega Daniel nell’introduzione. “Le carte sono relative. Se giocassi nella partita del quartiere potrei far finta di guardare le mie carte, non guardarle mai ed essere quasi sicuro di vincere ogni singola volta“.

Fatta questa premessa piena di sicurezza nei suoi mezzi, Daniel viene collegato alla macchina della verità, gestita da un ex agente dei servizi segreti.

Il test “hot”

Il primo test per calibrare il poligrafo viene effettuato con una ragazza in bikini, che nella logica (strettamente televisiva) dell’esperimento dovrebbe aumentare il battito cardiaco di Negreanu.

A Daniel viene chiesto se davanti a sé ci sia un cane con un tutù. È un invito a mentire, e lui dice di sì. La macchina della verità segnala immediatamente i tipici parametri della bugia.

La prova al tavolo da poker contro Phil Laak

Successivamente, si passa al tavolo da poker. Qua Daniel sfida Phil Laak e contemporaneamente la macchina della verità. Sul board 5-A-2-K-9, Kid Poker ha in mano il nulla cosmico: 10-6. Laak deve decidere se chiamare o no, perché non sa se il suo avversario stia bluffando.

A Negreanu viene rivolta la seguente domanda: “Hai doppia coppia o qualcosa di meglio?

Daniel dice di sì. Laak sceglie di foldare, cascando nel suo bluff, ma il poligrafo non si fa ingannare e segnala immediatamente la menzogna.

“Potrei anche non essere in grado di ingannare la macchina della verità, ma posso ingannare Phil Laak, e questa è l’unica cosa che conta!

Al termine dello show, Daniel riesce finalmente a ingannare la macchina della verità. Una piccola rivincita dopo le due bugie smascherate facilmente dal poligrafo.

 

In esclusiva per tutti i lettori di Assopoker, un Bonus immediato di 30€ su Lottomatica. Registrati da questo link e inserisci il codice SUPER30

multiprodotto_300x250_ita

 

Ecco il video della sfida tra Kid Poker e la macchina della verità:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento