GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

Daniel Negreanu si rilancia come Youtuber: una sfida generazionale con Doug Polk?

Sulla scia del crescente successo di Doug Polk come intrattenitore, Daniel Negreanu riprende in mano il suo canale Youtube e annuncia una nuova programmazione per rilanciarlo.

Scritto da
09/02/2017 10:30

1.042


Daniel Negreanu

Daniel Negreanu

Polk e il circolo virtuoso

La crescita – pokeristica e mediatica – di Doug Polk rischia di diventare un catalizzatore in grado di far salire la qualità dei contenuti web relativi al poker. Il grande successo di “WCG|Rider” potrebbe infatti spingere tanti altri personaggi a fare di più per mantenersi al passo con i mutati gusti del pubblico, ed è proprio quello che sembra accingersi a fare Daniel Negreanu.

Il “kidpoker” è una delle icone più consolidate e durature del poker, ma nella comunicazione nulla è eterno o acquisito per “diritto divino”: la celebrità bisogna anche guadagnarsela o, come nel caso di Daniel, saperla mantenere.

L’impatto di Doug

L’impatto mediatico di Doug Polk è almeno equivalente a quello che il 26enne californiano ha portato nel poker giocato. Nessuno infatti poteva immaginare che Doug avesse talento anche come youtuber e streamer o, in senso lato, intrattenitore. La sfrontatezza con cui si è presentato fin dall’inizio sembrava condannarlo ad essere un personaggio divisivo, di quelli che “lo ami o lo odi”. Invece no, nel giro di un annetto scarso si è imposto estendendo la sua popolarità a livelli inimmaginabili, e che fanno pronosticare ad alcuni Doug Polk come “giocatore di poker più famoso al mondo” in un futuro magari non così lontano.

Oltre a un personal branding a livelli eccelsi, Doug ha fatto un grandissimo lavoro sui contenuti, creando praticamente dei nuovi standard e alzando l’asticella della qualità per video e streaming poker-related.

Doug Polk

Doug Polk

Daniel Negreanu non abdica e torna su Youtube

Come si accennava prima, il terremoto-Polk ha iniziato a sortire effetti positivi anche sulla concorrenza: è di pochi giorni fa la notizia che Daniel Negreanu ha deciso di riprendere in mano il suo canale Youtube, aperto più di 10 anni fa ma a lungo semi-abbandonato.

Il campione canadese è uomo molto attento alle tendenze della comunicazione, e se finora era stato in assoluto uno dei più assidui “twittatori” del mondo del poker oggi ha probabilmente compreso che Twitter non basta più, per rimanere opinion leader mantenendo l’autorevolezza di guru per una sconfinata platea di appassionati.

Con un breve video, Daniel Negreanu ha annunciato il programma di massima del suo canale: il lunedì sarà dedicato ai poker tips, consigli su come districarsi in alcune situazioni di gioco; il giovedì sarà invece la volta di “hand breakdown”, in cui Daniel analizzerà alcune mani tratte da eventi famosi o in ogni caso televisivi.

Consigli, analisi, Vlog: basteranno?

Oltre a questo, Daniel promette di produrre ogni tanto dei Vlog (Video blog), strumento questo già utilizzato in passato dal campione di origini rumene nei suoi famosi “weekly rant”, appuntamenti settimanali in cui si scagliava a turno contro questo o quel personaggio o situazione. Inoltre, Negreanu annuncia non meglio precisati contenuti “pazzi o divertenti”, in modo da rendere la programmazione del suo canale il più possibile varia.

Doug vs Daniel: generazioni a confronto

Riuscirà Daniel a riprendersi lo scettro di poker guru un po’ appannato dagli anni e insidiato da giovani e talentuosi elementi come Doug Polk? Non è una previsione semplice, perchè Negreanu è un tipo molto sveglio che sa adattarsi a situazioni differenti. Dall’altra parte Polk ha 14 anni in meno del canadese, e questo potrebbe tradursi in una maggior sensibilità o capacità di entrare in sintonia con un pubblico che certo – in media – gli è anagraficamente più vicino. Potremmo dunque assistere ad una sorta di scontro generazionale non solo tra due giocatori, ma anche fra due modi completamente differenti di intendere e vivere il poker. Lo spettacolo ne guadagnerà.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento