GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

Andrea Piva ospite di “Otto e Mezzo” su La7: si parla di gioco, droghe e dipendenza

Ieri sera, su "Otto e Mezzo" di La7, si parlava di gioco. Tra gli ospiti di Lilli Gruber anche lo scrittore e poker player Andrea Piva. Ne viene fuori una mezzora ben spesa davanti alla tv.

Scritto da
12/03/2017 14:55

2.332


piva-8emezzo

Il gioco trova nuovamente spazio sulla tv generalista ma, al contrario di altre volte, non si è assistito alla solita minestra genericamente moralista o alla classica furia criminalizzatrice. Merito anche di Lilli Gruber e del suo “Otto e Mezzo” ma anche di Andrea Piva, uno degli ospiti della puntata “Il paese dei giocatori d’azzardo”, in onda su La7 ieri sera dopo il tg delle 20.

Insieme al noto scrittore e poker pro erano presenti lo showman Marco Baldini e Marco Freti, educatore della comunità di San Patrignano che si occupa di dipendenza da gioco.

Nel corso della trasmissione si sono affrontati diversi argomenti, dal passato burrascoso di Baldini (che per il gioco ha compromesso carriera e vita privata) a quello di Freti, ex cocainomane che è tornato alla vita grazie alla comunità di San Patrignano, quindi laureatosi in psicologia con una tesi sulle dipendenze da gioco. In mezzo a tutto questo Andrea Piva, invitato anche per presentare il suo lanciatissimo romanzo “L’animale notturno”, di cui vi parlavamo nell’ intervista-recensione che potete leggere qui sotto.

Andrea Piva presenta “L’Animale Notturno”: “Racconto il mondo con la danza dei numeri che sta dietro al poker”

Sollecitato dalla Gruber, Piva racconta la sua esperienza di giocatore professionista di poker alternata alla vita di scrittore, riuscendo – nonostante l’ovvio poco tempo a disposizione – a dare un’idea delle differenze macroscopiche esistenti fra un gioco compulsivo e un approccio ragionato e professionale a certi tipi di gioco che lo consentono, come ad esempio il poker. Per noi sono concetti scontati, ma non lo sono per la stragrande maggioranza del pubblico quindi si tratta di un buon risultato.

andrea-piva670

Andrea parla senza troppi peli sulla lingua della sua idea di gioco ma anche di società, che vorrebbe improntata a una maggiore autodeterminazione dell’individuo e che quindi non demonizzi acriticamente e apropristicamente fenomeni come il gioco e la droga, ma li consenta e regolamenti informando accuratamente sulle conseguenze.

Il classico “punto” di Paolo Pagliaro opera poi un collegamento fra la diffusione dell’azzardo e la spaventosa crescita del mercato borsistico dei derivati. Argomento, questo, che meriterebbe un trattamento a parte, invece che qualche minuto in calce a una trasmissione di mezzoretta.

Noi appassionati di poker non possiamo però che essere soddisfatti, per una volta, del servizio offerto dalla TV. Grazie anche alla spiccata personalità di Andrea Piva.

Cliccando QUI potrete guardare il video integrale della puntata.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento