Gioco legale e responsabile

Curiosità

Truffava lo stato per giocare partite high stakes e fare la bella vita: arrestato ufficiale della Marina USA

Il tenente della Marina Randolph Prince aveva una bella carriera ma l'ha rovinata con le sue mani, mettendo su una truffa milionaria per finanziare le partite a poker high stakes, e una vita in mezzo al lusso.

Scritto da
12/01/2019 13:30

1.843


La storia ha dell’incredibile e alcune parti non troppo chiare, ma è confermata da tutte le principali fonti giornalistiche statunitensi. Un ufficiale della US Navy, la marina militare degli Stati Uniti, si è beccato una condanna a oltre 4 anni di prigione. Il motivo? Avere ordito una truffa milionaria ai danni del governo, per giocare partite di poker high stakes e fare la bella vita tra sfarzo e auto di lusso.

Randolph Prince, non proprio un genio della truffa

Randolph Prince era partito da zero, riuscendo a fare una bella carriera nella Marina che gli era valsa la carica di tenente, nel 2012. Una carriera che però ha conosciuto un’inattesa fine quando è venuta fuori la truffa che aveva messo su insieme ad un paio di complici.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews: puoi vincere un Winter Series Pack by Hugo Boss e PokerStars! Metti like alla nostra pagina!

Falsi contratti di fornitura militare, per finanziare vere partite a poker

In sostanza Prince, che era a capo di una unità di addestramento del corpo artificieri, effettuava ordini per forniture di materiali ed equipaggiamento militare a finte aziende, aperte proprio da lui e i suoi complici solo allo scopo di ricevere commesse dall’ignaro Governo USA. Quindi l’organizzazione creava falsi documenti di ricezione del materiale, che quindi davano il via libera per il pagamento delle commesse.

La cosa è andata avanti per lungo tempo, portando il totale del denaro truffato allo Stato a circa 2.7 milioni di dollari. Prince usava la sua parte del malloppo per finanziarsi ricche partite di poker, ma anche auto di lusso e un tenore di vita eccessivo, per i guadagni di un militare in carriera.

Secondo il suo avvocato quella di Prince era una vera e propria dipendenza dal gioco, una patologia che lo ha indotto a gettare al vento una carriera che fino a quel momento era stata impeccabile. Ad ogni modo il denaro dovrebbe essere stato utilizzato tutto in partite private. Almeno da questo punto di vista Prince era stato abbastanza accorto. Sarebbe stato il colmo vedere il suo nome su Hendon Mob, magari in qualche torneo high roller…

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento