GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

Vince $2,4 milioni a poker e scommette su se stesso a Hollywood

La storia di Douglas Kim che ha deciso di reinvestire le vincite nel poker in una società di produzione per riuscire a finanziare la sua carriera da attore.

Scritto da
16/02/2018 19:03

2.220


In pochi si ricorderanno di Douglas Kim, giocatore statunitense di origini coreane, capace nel 2006 ad arrivare al final table del Main Event WSOP: è stata l’edizione più ricca con 12 milioni di dollari finiti nelle tasche di Jamie Gold, il vincitore. Fu il torneo della deep run di Allen Cunningham che si interruppe al quarto posto. Ma è stato anche l’anno di Kim che in quel momento riuscì a battere il record del più giovane più giovane finalista. Aveva solo 22 anni.

Douglas Kim

Fu eliminato al settimo posto dal runner-up Paul Wasicka. Fu l’unico a non essere la vittima del miracolato Gold, in quei giorni in stato di grazia. Il risultato gli consentì di vincere circa 2,4 milioni.

La sua storia

Nato a New York da genitori coreani, si è laureato alla Duke University in Economia e proprio al college ha imparato a giocare a poker negli home games, studiando strategie sul forum 2+2 e su parecchie pubblicazioni di quegli anni.

Dopo il Main, ha continuato a giocare a poker ma non in maniera professionale, seppur può vantare diversi in the money nei principali circuiti americani. In particolare nel biennio 2015-2016 ha intensificato la sua presenza nei tornei estivi a Las Vegas, durante le WSOP ed è tornato in the money nel suo torneo, il Main Event.

 

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

La sfida ad Hollywood con una scommessa da $2 milioni

La sua passione è sempre stata però il cinema: è attore e scrittore ed ha deciso di utilizzare i soldi vinti a poker per finanziare il suo sogno. Purtroppo a Hollywood – secondo il suo punto di vista – alle “minoranze” etniche (come gli uomini asiatici) difficilmente vengono assegnati ruoli di primo piano in film e serie tv. Il tema è molto delicato, in realtà ci sono tante eccezioni. In tutti i casi Douglas Kim ha voluto investire su alcune produzioni per riuscire a sfondare questo muro e mettersi in luce come attore.

Ha finanziato e prodotto un episodio “pilota” di una serie televisiva semi-autobiografica che racconta il viaggio di un attore americano di origina asiatiche che vive a Los Angeles.

La commedia dura mezz’ora ed è intitolata “Just Doug” ed andrà in onda oggi negli States su “DramaFever” piattaforma video streaming della Warner Bros. In bocca al lupo!

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento