Gioco legale e responsabile

Live

Vincere $160.000 in sei ore: ci è riuscito il 22enne Almedin Imsirovic, dopo aver battuto Musta e Riess

Scritto da
17/01/2018 09:09

3.710


Chiunque giochi a poker sa che con la giusta run si possono ottenere risultati pazzeschi in un lasso temporale molto breve. Succede negli Spin&Go e nei format simili per quanto riguarda il poker online, ma da sempre succede anche nei tornei turbo, che siano live e online.

Le strutture veloci di questi MTT consentono al vincitore di ottenere un ritorno sull’investimento enorme nel giro di poche ore. Di esempi clamorosi di questo tipo ce ne sono a non finire, e l’ultimo in ordine di questo tipo si è verificato alle Bahamas.

L’hyper turbo da $10.000 che ha chiuso la PCA 2018

Il torneo che ha chiuso la PCA 2018 era infatti un hyper turbo da $10.000 di buy-in. Nonostante il costo elevato per sedersi al tavolo, la struttura prevedeva blinds di appena 15 minuti. Era quindi un “torneo-lotteria” nel quale la run aveva un’importanza ben superiore rispetto alle abilità.

Complessivamente ci sono state 55 entries, delle quali 13 re-entry. Il montepremi generato è stato quindi di $550.000, con $160.000 destinati al vincitore.

Nel field erano presenti tanti professionisti, a caccia dell’ultimo acuto prima di salutare le Bahamas. Per molti, questo torneo rappresentava l’ultima opportunità per chiudere la trasferta in attivo.

MILLIONS High Roller Mustapha Kanit

Tra coloro che speravano in un big shot c’erano diversi nomi noti come Stefan Schillhabel, il nostro Mustapha Kanit e l’ex campione del mondo Ryan Riess. Alla fine, però, è stato un professionista emergente a imporsi e a conquistare la ricca prima moneta.

Vincere $160.000 in 6 ore: il trionfo di Almedin Imsirovic

Parliamo di Almedin Imsirovic, giocatore statunitense capace di sconfiggere il field di altissima qualità e assicurarsi $160.050. Per farlo, ci ha messo appena sei ore.

Gli sono infatti bastati 21 livelli per trionfare. Al final table si è messo alle spalle Stefan Schillhabel (7° per $27.210), Benjamin Pollack (6° per $34.140), Sam Greenwood (5° per $43.750) e Mustacchione (4° per $56.550). Dopo l’uscita dell’austriaco Matthias Eibinger in terza posizione (per $74.690), Imsirovic si è ritrovato contro un ex prodigio del poker statunitense: Ryan Riess.

Almedin Imsirovic (courtesy Tomas Stacha/Pokerstars)

Il campione del Main Event WSOP 2013 non ha però potuto nulla contro il suo connazionale. I due partivano con stack alla pari, ma la struttura era ormai collassata. Dopo meno di 10 minuti, Riess è andato all-in con K-2 e ha ricevuto il call con A-J. Il board non ha portato soprese e Imsirovic si è assicurato un premio di $160.000.

Una ricompensa niente male per appena sei ore passate ai tavoli. Il suo guadagno in questo torneo è stato di circa $26.000 all’ora. Non si può lamentare neanche Ryan Riess, secondo classificato per $115.770: il pro americano ha ammesso su Twitter di aver “salvato la trasferta” con questo colpo dell’ultimo minuto.

Il payout:

  1. Almedin Imsirovic United States $160,050
  2. Ryan Riess United States $115,770
  3. Matthias Eibinger Austria $74,690
  4. Mustapha Kanit Italy $56,550
  5. Sam Greenwood Canada $43,750
  6. Benjamin Pollak France $34,140
  7. Stefan Schillhabel Germany $27,210
  8. Ramin Hajiyev Azerbijan $21,340

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento