Gioco legale e responsabile

Live

IPO25: Andrea Shehadeh trionfa per 255.000€, 2017 indimenticabile per lui!

Scritto da
08/11/2017 02:26

6.309


Andrea Shehadeh: ancora una volta primo!

Siamo onesti: chiunque di noi appassionati pagherebbe per trascorrere un’annata appena simile a quella che sta vivendo Andrea Shehadeh. Il 23enne milanese mette a segno il suo terzo capolavoro del 2017, il più importante della carriera: IPO25.

Shehadeh si era già proposto come favorito d’obbligo in virtù di uno stack da chipleader che aveva dimostrato a più riprese di saper gestire nel migliore dei modi. Così è stato anche nel final day, dominato in lungo e in largo anche grazie a una run che – in tutta onestà – non l’ha mai abbandonato.

Il colpo della svolta

La svolta, che influisce pesantemente anche sulla durata del final table, arriva quando si era ancora in 7. In un colpo aperto preflop da Shehadeh, che aveva visto i call di Lorenzo Durante, Mario Llapi e Claudio Di Giacomo, ci si ritrova con un allin a tre:

Il turn è un 7 che fa chiudere full ad Andrea, il quale elimina in un sol colpo Durante e Di Giacomo, dopo la q al river.

Bonus immediato di 30€ su Lottomatica per Poker, Scommesse e Casinò. Registrati da questo link e inserisci il codice SUPER30. È un’esclusiva Assopoker!

multiprodotto_300x250_ita

Angela e Matteo “ringraziano”

Un colpo pazzesco, pirotecnico, che fa volare Shehadeh a oltre 82 milioni, accrescendo ancora di più le sue possibilità di vittoria finale. Ma è anche un colpo che torna a vantaggio di Angela Del Re e Matteo Mossini, che prima di quel colpo avevano meno di 10 big blinds e si ritrovano a guadagnare, senza batter ciglio, almeno 20mila euro.

Tale è infatti la differenza tra la settima e la quinta piazza del payout. Un piazzamento che spetta proprio alla Del Re, davvero sfortunata nella circostanza. Allin per i suoi 7 bui con KQ, trova il call del chipleader con K7 che trova un 7 sul board.

Il torneo sembra voler finire in un batter di ciglia, perchè nel breve volgere di qualche orbita escono Matteo Mossini e Giuseppe Fichera.

Mario Llapi e Andrea Shehadeh

Heads up

Andrea Shehadeh si affaccia quindi all’heads up con il confortante vantaggio di 95 milioni contro circa 23, ma Marione Llapi non parte battuto. Il giovane ligure è infatti un allievo di Giuliano Bendinelli che ne parla un gran bene, e infatti il ragazzo vende carissima la pelle.

Llapi trova modo di risalire e addirittura passare in vantaggio, quindi i due si accordano per un deal: 215.000€ ciascuno e 40.000€ in palio insieme al trofeo.

Lo scontro dura circa 3 ore ed è davvero di buon livello. Shehadeh riprende il comando delle operazioni e non lo molla più. Dal canto suo, Llapi non molla un centimetro e trova il raddoppio della sopravvivenza per tre volte. Alla fine, però, deve cedere: AT per Llapi, QJ per Shehadeh, che trova una dama sul board per concludere in bellezza.

Payout del tavolo finale

  1. Andrea Shehadeh 255.000€ *
  2. Mario Llapi 215.000€ *
  3. Giuseppe Fichera 100.000€ (e 1 pacchetto main event Wsop Las Vegas)
  4. Matteo Mossini 70.000€
  5. Angela Del Re 50.000€
  6. Claudio Di Giacomo 40.000€
  7. Lorenzo Durante 30.000€
  8. Marino Ferrara 20.000€

* deal

Shehadeh, che 2017!

Con questa perla, Andrea Shehadeh chiude un trittico magico nell’arco di appena 6 mesi. Nell’aprile scorso aveva vinto l’Only The Barracudas 37, primo su 2477 entries, incassando 100.000€. Quindi, poche settimane dopo, ancora 1°: stavolta sui 609 partecipanti del 888 Live di Barcellona, e altri 110.000€ in cassa. Ora il non plus ultra: vittoria a IPO25 su 3003 ingressi totali, con un altro assegno pesante, da 255.000€. Qualcuno ancora dubita che sia il suo anno?

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento