GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Live

Bisogna saper perdere: la lezione di Ole Schemion su come limitare i danni in torneo

Ole Schemion perde i minimi con un trips durante il Grand Final di Montecarlo della decima stagione dello European Poker Tour. Un’ottima lettura da parte del player tedesco, che al river opta per un check-call che gli permette di limitare i danni.

Scritto da
10/03/2018 18:03

2.184


Ole Schemion è stato tra i protagonisti dell’EPT Grand Final Montecarlo 2014, dove chiuse al 44° posto. Il torneo, come sicuramente ricorderete, fu vinto dal nostro Antonio Buonanno, che regalò all’Italia la seconda picca dopo quella di Salvatore Bonavena.

Oggi vogliamo parlarvi di una mano giocata proprio durante quell’evento: al tavolo, curiosamente, insieme con Ole Schemion e Antonio Buonanno c’era anche Jack Salter, sconfitto proprio dall’azzurro nel testa a testa finale.

 

Ole Schemion

Ole Schemion ‘contento’ di aver perso?!

 

Su PokerStars.it sono arrivati gli Spin & Go Max: registrati subito! Ti attendono promozioni speciali!

 

Ole Schemion in heads-up con Mayu Roca

Con i bui a 4.000/8.000, tutti foldano fino al colombiano Mayu Roca (che arriverà poi al final table, chiudendo al 4° posto), che apre il gioco da bottone rilanciando fino a 17.000 con 8 8 . Dopo il fold dello small blind, Ole Schemion difende il suo big con K 6 .

Il flop è 2 6 8 . Ole Schemion centra dunque una middle pair, ma il suo avversario ha nientemeno che top set. Dopo il check del tedesco, il colombiano punta 18.000 chip su un piatto che ne vale già 45.000.

Schemion chiama, e il turn è un 6 . La linea del tedesco è piuttosto insolita, perché decide di fare lead out, puntando 43.000 pezzi. La risposta del colombiano è un call con cui arriviamo al river decisivo.

Una lettura perfetta

L’ultima carta comune è un 7 che non sposta molto gli equilibri, se non per un’improbabile progetto di scala a incastro. I commentatori si aspettano che Ole Schemion punti ancora, ma il tedesco li sorprende.

 

Arriva infatti un check, e tocca a Mayu Roca prendere naturalmente le redini del colpo. Su un piatto del valore di 167.000 chip (praticamente la metà dello stack di Schemion), il colombiano opta per una value bet da 87.000.

Ole chiama, e come fanno notare i commentatori, riesce a “perdere il minimo”. La stessa reazione del tedesco è di chi è paradossalmente contento di aver perso la mano, ma di aver comunque letto bene la situazione.

Schemion vs Roca all’EPT Grand Final Montecarlo 2014

Ecco il video della mano:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento