Gioco legale e responsabile

Live

Interessante final table al SHR Bowl Bahamas: Koon, O’Dwyer, Bonomo e Seidel in corsa

Mare cristallino, spiagge bianche, panorami mozzafiato e un torneo di poker con un field pazzesco. Mescolate un po' e avrete il Super High Roller Bowl. Il torneo dal buyin esclusivo di 250.000 dollari, fa tappa per la prima volta alle Bahamas e il debutto è di quelli da ricordare: 51 paganti, oltre 4 milioni al primo classificato e un tavolo finale da urlo. 

Scritto da
18/11/2019 12:14

1.133


51 fenomeni

Il “$250.000 SHR Bowl Bahamas” ha fatto il pieno di fuoriclasse. E non sono certo pochi 51 ingressi a fronte di un buyin di 250 mila bigliettoni. Quasi tutti nomi di spicco e assi del poker mondiale, quelli che sono volati alla volta del Mar dei Caraibi. Un evento che dunque ha regalato spettacolo nelle prime due giornate, verso la formazione del tavolo finale. Messi assieme 12.750.000 dollari di montepremi e in otto si spartiranno la torta. Gli stessi otto che hanno raggiunto l’atto finale della kermesse.

PSPC 2019

Il cash minimo prevede una ricompensa di 510.000 dollari, mentre il futuro campione del SHR Bowl Bahamas metterà in tasca la bellezza di 4.080.000 dollari. Cifre che spostano maledettamente, anche se stiamo parlando di giocatori che annoverano vincite milionarie in carriera. L’apice dell’emozione nel corso della giornata si è avuta proprio nell’ultima mano di giornata.

Occorreva il nome del nono classificato, per lo scoppio della doppia bolla: quella dei premi e quella per il raggiungimento dell’official final table a otto giocatori. Una doppia veste che suo malgrado va a Christoph Vogelsang. Il tedesco con a 7 finisce ai resti sul board 4 3 6 a . C’è il call dello scatenato Wei Chan con j 5 e il suo progetto di colore si materializza al river con 9 . Con l’eliminazione del tedesco gli otto finalisti posso imbustare.

7 uomini e una donna

Il “$250.000 SHR Bowl Bahamas” incorona quest’oggi il neo campione. E a dettare il passo in vetta al count ci pensa Seth Davies. Vince il duello con il connazionale Jason Koon per il primo posto in graduatoria. Davies riparte da quota 2.915.000, mentre il buon Jason ha dentro la sua busta 2.720.000. Insomma, una differenza abbastanza minima che promette scintille nella discesa al titolo.

In mezzo a questo tavolo finale di campioni, c’è una quota rosa che sogna il grande colpo in carriera. Stiamo parlando di Kathy Lehne. L’imprenditrice americana solo con il suo ingresso a premio, diventa la prima donna a centrare un ITM nella storia del Super High Roller Bowl. Ma con 2.100.000 pezzi, siamo sicuri che punterà al bersaglio grande per un altro primato.

Attenzione poi a Steve O’DwyerDaniel Dvoress e Justin Bonomo. Un trio niente male si tiene a ridosso del podio virtuale nel count. O’Dwyer è l’uomo degli high roller avendone vinte a decine nella sua impressionante carriera e con 1.935.000 chips prova a mettere paura a tutti. Il canadese lo segue staccato di sole 10 mila unità, mentre Justin, dopo aver chiuso al comando il day 1, si trova a galleggiare con 1.430.000.

Erik Seidel

Gli ultimi due posti nel count sono riservati a Wei Chan e all’immenso Erik Seidel. Situazione recuperabile per entrambi, considerando che il malese imbusta 1.390.000 e l’americano ha dalla sua 885.000 unità. Quest’ultimo è si staccato dal gruppone, ma con 35 grandi bui può ancora dire la sua nella discesa al titolo. Carte in aria con il livello 15.000-25.000 big blind ante 25.000 a partire dalle ore 20 italiane.

Il count ufficiale

  1. Seth Davies 2.915.000
  2. Jason Koon 2.720.000
  3. Kathy Lehne 2.100.000
  4. Steve O’Dwyer 1.935.000
  5. Daniel Dvoress 1.925.000
  6. Justin Bonomo 1.430.000
  7. Wei Chan 1.390.000
  8. Erik Seidel 885.000

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento