Gioco legale e responsabile

WSOP 2018

Senza paura: Joe Cada bluffa per tutto lo stack a 11 left nel Main Event, contro il chipleader

Un bluff a dir poco coraggioso quello di Joe Cada a 11 left nel Main Event WSOP 2018: contro il chipleader, il campione del 2009 si è giocato tutto con A-high. E ha vinto

Scritto da
14/07/2018 08:52

3.007


Non c’è una formula magica che spieghi come si raggiunge il final table del Main Event WSOP, eppure Joe Cada sembra non avere dubbi: bisogna avere coraggio e non temere di uscire in piena bolla. Il campione del mondo lo ha detto a chiare lettere nell’intervista rilasciata dopo aver centrato il tavolo finale più prestigioso in assoluto per la seconda volta in nove anni, ma le sue non sono le classiche dichiarazioni di circostanza, quelle di chi ha ormai raggiunto un obiettivo immenso e deve cercare di romanzare l’impresa.

Joe non ha bisogno di chiacchiere perché un Main Event lo ha già vinto e in un altro ha ottenuto il final table facendosi strada con mosse talvolta spregiudicate e sempre senza paura. C’è una mano in particolare che lo dimostra: a 11 left, in piena bolla del Main Event WSOP, si è lanciato in un bluff per tutto lo stack contro il chipleader del torneo. Ecco com’è andata.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Il super bluff di Joe Cada a 11 left

Siamo al Day 7, la mano inizia sui blinds 250.000-500.000, ci sono 11 giocatori rimanenti e la tensione è alle stelle. Cada ha uno stack di 11.9 milioni di chips (23.8 blinds) e apre il gioco a 1.1 milioni dal bottone con a 6 in mano. Lo small blind folda e il pro australiano Alex Lynskey chiama dal big blind con k 9 e lo stack più grande del torneo, pari a 51.5 milioni.

Il flop è k 10 5 , Lynskey fa check e Cada punta un milione di chips sul pot di 2.9 milioni. Lynskey ha la top pair e chiama. Il turn è un j e dopo il check dell’australiano decide di proseguire nel puntare: stavolta mette in mezzo una bet di 2.6 milioni sul pot di 4.9 milioni. Lynskey ci pensa per qualche secondo e chiama nuovamente.

Al river la situazione è tragica per il campione del mondo del 2009: il board si completa con un inutile 3 , in mezzo ci sono 10.1 milioni di chips e Cada ha solo 7.150.000 alle spalle. Dopo il terzo check di Lynsey, molti giocatori rinuncerebbero al bluff ma non Joe: dopo meno di 10 secondi, decide di andare all-in. Una giocata estremamente rischiosa, per molti assurda. Giocarsi il Main Event WSOP a un passo dal final table sembra una follia per tanti giocatori ma forse è proprio con questo coraggio che lo si raggiunge non una ma due volte in carriera.

Lynskey ci pensa a lungo, per diversi minuti, e alla fine effettua il fold. Cada tira un sospiro di sollievo e inizia a radunare le chips, ovviamente senza mostrare le carte. Con A-high è andato all-in e ha costretto il chipleader del torneo a foldare la top pair. Una mossa da applausi per il campione americano, che poco dopo raggiungerà il tavolo finale e sarà costretto ad arrendersi in 5° posizione 2.15 milioni di dollari.

Il video del super bluff di Joe Cada:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento