Gioco legale e responsabile

WSOP 2019

WSOP 2019 High Roller: dominio totale di Ben Heath, ma lo scoppio finale fa male a Lichtenberger

Scritto da
04/06/2019 09:14

1.673


Il primo torneo dal Buy In piuttosto elevato di queste World Series Of Poker, si è concluso dopo 4 giornate incandescenti durante le quali abbiamo potuto assistere al poker giocato ai massimi livelli.

Autentico dominatore dell’Evento numero 5, è stato Ben Heath, chipleader alla fine delle giornate 2, 3 e di quella finale, la decisiva.

I 6 giocatori rimasti a battagliare al Final Day per conquistare una prima moneta da poco meno di 1,5 milioni di dollari, si sono presentati puntuali alle ore 22,00 e solo dopo tre mani il povero Kornuth provava l’ebbrezza di una eliminazione rapida e “indolore”.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Poco più di 5x venivano spediti al centro del tavolo dallo short del tavolo con q 5 da Cut Off, ma Andrew Lichtenberger da BB non poteva non chiamare con a q . Board liscio e si rimaneva in 5.

Petrangelo

Non passava nemmeno una mezz’ora e a T120.000 Yurasov apriva a 260.000, Nick Petrangelo 3bettava con a k da bottone. Ben Heath trovava le donne da SB e decideva di cold 4bettare a 1,85 milioni, Yurasov give-uppava, ma Petrangelo shovava per 3,8 milioni, Heath ovviamente chiamava. 

Il board era decisamente baby: 9 6 3 5 10 e condannava Nick a uscire al quinto posto. 

Per assistere all’eliminazione del 4° classificato dovevamo attendere un paio di ore ed era Yurasov che metteva 25x nel mezzo con a 10 sull’apertura di Heath in click raise a T200.000 con a q .

Board anche in questo caso a favore di Heath che chiudeva anche colore a cuori runner runner.

Un livello più tardi, il 125k/250k, il solito Heath apriva da UTG con a k a 575.000, 3bettato da Soverel sullo small blind a 1,5 milioni con k j . Ancora una volta il call per Heath era facilissimo anche se il flop gli regalava uno spavento: q 6 9 . Fortunatamente per lui un 4 al turn e un 5 al river gli davano la possibilità di giocarsi l’heads up contro Lichtenberger.

La distanza iniziale tra i due era tutto sommato non incolmabile e vedeva l’inglese in testa 18,85M vs 14,15M dell’americano. 

Passavano poche mani, esattamente 15 e, con stack praticamente invariati rispetto all’inizio, i due le mettevano improvvisamente tutte in mezzo. 

Andrew Lichtenberger apriva da BTN a 650.000 su bui T250.000, Heath saliva a 2,4 milioni e assisteva al push del suo rivale per 14 milioni totali. Puntuale arrivava il call di Heath. 

L’heads up in partenza tra Lichtenberger e Heath

Showdown: 

Andrew Lichtenberger a k

Ben Heath j a  

Il board rifilava una stilettata dolorosa allo statunitense: j 5 3 10 10. 

Con questa mano finale che lasciamo giudicare a voi, Ben Heath portava a casa vittoria e braccialetto, relegando l’ottimo Andrew Lichtenberger a ruolo di piazzato. 

Un bellissimo torneo che ha visto tra i protagonisti un Dario Sammartino eliminato precocemente e, per chi ha avuto la fortuna di seguirne il tavolo finale, può dire di aver assistito a uno spettacolo con pochissime sbavature e davvero molto didattico. Aspettiamo altri eventi di questo tipo per vedere campioni di questo livello ancora in azione.

 

Pics Courtesy, PokerNews

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento