Vai al contenuto
eliminati-eccellenti-main-wsop

Gli eliminati eccellenti ai day 1 del Main Event WSOP

Chiuso un day 1D affollatissimo, il cui report è in arrivo in attesa del chipcount ufficiale di giornata, il Main Event WSOP domani entra nel vivo coi day 2. Ma alle seconde giornate del torneo più importante dell’anno saranno molte le assenze eccellenti.

Nonostante il Main WSOP sia conosciuto per essere il torneo di poker più giocabile al mondo, infatti, non sono pochi i super professionisti ad aver alzato bandiera bianca già nella prima giornata di gioco.

Tra loro figurano anche il campione 2019 Hossein Ensan, Greg Raymer, Leo Margrets… Vediamo chi sono gli altri.

Main Event WSOP: Daniel Negreanu

Questa edizione World Series Of Poker sta diventando sempre più un incubo per ‘KidPoker’. Dopo aver accumulato dall’inizio di queste WSOP un passivo di oltre un milione, Daniel Negreanu cercava la riscossa al Main Event. L’appuntamento è rimandato. Dopo una brutta bad beat in cui ha messo tutte le chips al centro con full floppato per vedere l’avversario trovare l’incredibile sorpasso al river, il canadese ha trovato l’eliminazione da ultra short al quinto livello del day 1C con A K .

Main Event WSOP: Phil Ivey

Main WSOP da dimenticare anche per Phil Ivey. Il campionissimo di Riverside è stato eliminato nella penultima mano del day 1D in una dinamica da late position: sulla apertura di bottone Ivey è andato all-in per 28bb con K-T, dopo il fold di big blind bottone ha chiamato con A-Q, il board liscio ha eliminato il detentore di dieci braccialetti WSOP.

Main Event WSOP: Fedor Holz

Sui social il fenomeno tedesco ha postato la prima mano del suo Main Event: una coppia di assi che al flop aveva trovato il quads. In didascalia ha scritto che vista la mano di esordio probabilmente avrebbe vinto il torneo. Niente di più sbagliato. Al ritorno dalla pausa cena del day 1D Fedor Holz è rimasto con gli spiccioli della merenda con un set – underset. Poi da short è stato eliminato con coppia di cinque contro coppia di dieci.

Main Event WSOP: Alex Foxen

Niente day2 del Main Event anche per il vincitore del torneo più costoso di queste WSOP – l’High Roller da 250k. Alex Foxen ha trovato l’eliminazione al quinto livello di gioco del day 1B del Main Event: prima è riuscito a raddoppiare andando all-in per 8bb con A 7 contro 6 6 ma poco dopo ha dovuto abbandonare la sala.

Main Event WSOP: Chance Kornuth

Al Main Event dell’anno scorso aveva trovato una buona deep run che gli fece chiudere il torneo in 16° posizione. Quest’anno, dopo il secondo posto al 100K High Roller bounty in cui il nostro Dario Sammartino ha chiuso sul gradino più basso del podio, Chance Kornuth non sarà al day 2 del Main Event.

Il professionista americano ha trovato l’eliminazione al quinto livello del day1B andando all-in per 13bb con A 7 e perdendo allo showdown contro 10 8 .

Main Event WSOP: Josh Arieh

Il Player Of The Year delle WSOP 2021 è stato eliminato al day 1A. Rimasto con gli spiccioli della merenda dopo aver messo tutte le sue chips al centro con A 2 su board 10 5 6 5 9 , con l’avversario che ha girato 5 6 , Josh Arieh ha poi trovato l’eliminazione inseguendo con tutto lo stack un progetto a colore, per mano di Nate Corbin che aveva floppato top pair top kicker.

Main Event WSOP: Magnus Carlsen

Anche lo scacchista più forte al mondo ha preso parte a questo Main Event. Ma per Magnus Carlsen le cose non sono andate esattamente come sperato. Il norvegese ha trovato l’eliminazione al quarto livello del day 1C andando all-in da cutoff per 24bb con A 9 e non riuscendo a superare Q Q di Rahul Desirazu.

Main Event WSOP: Shaun Deeb

Tantissime deep-run, tantissimi in the money, una sessione epica di multitabling live, ma in questa edizione WSOP Shaun Deeb non sarà al day 2 del Main Event. Il cinque volte braccialettato ha trovato l’eliminazione al quinto livello di gioco del day 1C.Per Deeb è stato fatale un call con Q Q su board 10 J 5 5 10. L’avversario ha girato ‘solo’ 5 5 per il quads!

Giornalista pubblicista dal 2005, in un periodo sabbatico mi sono appassionato al poker e dal 2012 è diventato il mio pane quotidiano. Intanto ho fatto anche altro, tipo scrivere due libri che niente hanno a che vedere col nostro meraviglioso gioco.