Vai al contenuto

EPT Deauville: DI Cicco – Bonavena, il sogno continua

Massimo Di Cicco: con Bonavena è ancora la speranza italiana all'EPT DeauvilleSi dice che per fare una prova ci vogliano tre indizi, ma sognare – da che mondo è mondo – è gratuito. Così, grazie a Massimo Di Cicco e Salvatore Bonavena, continuiamo pure a fantasticare indisturbati all’EPT Deauville 2013. Poi, se davvero tutto dovesse prender forma, di certo avremo già i tre indizi necessari per fare la famosa prova.

Quando ieri avevamo lanciato l’ardito paragone con Praga 2008 c’erano ancora più di 150 giocatori in corsa, ma vedere Bonavena e Di Cicco come migliori italiani a Deauville ha inevitabilmente favorito l’affascinante suggestione.

C’erano anche Stefano Garbarino e Michele Bianchi, a caccia di un posto al sole tra gli ITM. Niente da fare per quest’ultimo, mentre il ligure Garbarino ha resistito, entrando a premio e venendo via dal Casinò Barriére di Deauville con un onorevole 95° posto per 9.700€.

Salvatore Bonavena invece è stato, per quasi tutta la giornata, protagonista del feature table, che avete potuto seguire grazie alla diretta streaming. In questi contesti Salvatore appare comodo come sul divano di casa sua, non si scompone mai, accumula chips con discrezione e saggezza. Al tavolo aveva dei diavoli come Jason Koon e James Mitchell, ma niente e nessuno può scalfire l’aplomb e la tranquillità di questo autentico “cavallo di razza” del live italiano. Dopo ore a “remare” tra i 25 e i 45 big blinds, Salvatore chiude un po’ sotto average a 321mila gettoni.

Massimo Di Cicco è invece un caratteriale, gioca più “di braccio” ed è quindi più soggetto a strappi e variazioni di stack. Nell’ultimo livello, però, Massimo ha vissuto due momenti importanti con altrettanti double up che lo hanno portato sopra average, in una eccellente 15ma posizione parziale.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Certo, oggi il giocatore proveniente da Cassino si ritroverà in una situazione tutt’altro che facile: il redraw gli ha consegnato al tavolo i due chipleader del torneo, Hadaya ed Herve, gli unici due a vantare uno stack sopra il milione. Bonavena invece dovrà ancora una volta vedersela con l’inglese Mitchell.

Ecco il chipcount completo:

  1. Shahaf Hadaya 1,237,000
  2. Matthieu Herve 1,050,000
  3. Samuel Grafton 985,000
  4. Salvatore BonavenaJames Mitchell 983,000
  5. Aurelien Guiglini 942,000
  6. James Bills 877,000
  7. Hugo Pingray 768,000
  8. Jeffrey Hakim 714,000
  9. Cyril Andre 669,000
  10. Enrico Rudelitz 643,000
  11. Mathew Frankland 606,000
  12. Thomas Butzhammer 555,000
  13. Loic Fringant 555,000
  14. Walid Bou Habbib 531,000
  15. Massimo Di Cicco 512,000
  16. Pascal Aznar 506,000
  17. Joseph El Khoury 506,000
  18. Eilert Eilertsen 495,000
  19. Joseph Mouawad 489,000
  20. Noel Gaens 480,000
  21. Jean Pierre Petroli 470,000
  22. Alexander Dovzhenko 459,000
  23. Pietro Amoroso 454,000
  24. Eric Sfez 450,000
  25. Mesbah Guerfi 444,000
  26. Yury Gulyy 430,000
  27. Vladimir Velikov 416,000
  28. Fernand Michelet 396,000
  29. Gordon Huntly 387,000
  30. Jason Koon 386,000
  31. Freerk Post 380,000
  32. Kristijonas Andrulis 365,000
  33. Glen Cymbaluk 324,000
  34. Salvatore Bonavena 321,200
  35. Remi Castaignon 321,000
  36. Anaras Alekberovas 317,000
  37. Jan Horni 309,000
  38. Lucas Reeves 307,000
  39. Maxime Petitprez 283,000
  40. Franck Kalfon 260,000
  41. Romain Baert 242,000
  42. David Kilmartin 239,000
  43. Karim Abdelmoumene 220,000
  44. Lucien Cohen 209,000
  45. Brian Benhamou 179,000
  46. Michel Abecassis 150,000
  47. Ibrahim Ghassan 148,000
  48. Romeo Robert 116,000
  49. David Pishvafar 116,000
  50. Ionel Anton 107,000
  51. Markus Ristola 92,000

A mezzogiorno l’EPT Deauville riprende la sua marcia di avvicinamento al tavolo finale, che si concluderà al raggiungimento dei 24 giocatori rimasti. Abbiamo due carte in un mazzo da 51. Sono poche, certo, ma tanto…non si era detto che sognare non costa nulla?

"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".