Vai al contenuto
Jack Straus

Jack Straus e la leggenda del Main Event vinto con una sola chip: ecco la vera storia

Ci sono giocatori di poker che pur non avendo vinto quanto altri, si sono meritati un posto nella storia di questo gioco: è il caso, ad esempio, di Jack Straus. Attenzione, l’americano non era esattamente l’ultimo arrivato in termini di successi: in carriera vinse 2 braccialetti WSOP, arrivando al tavolo finale del Main Event in tre occasioni.

Ma ad elevarlo allo status di leggenda non fu tanto la vittoria nel Main Event delle World Series of Poker del 1982, quanto il rocambolesco modo in cui ci riuscì, tanto da coniare il famoso detto “a chip and a chair”.

 

 

Le WSOP 1982

L’edizione del 1982 delle World Series of Poker prevedeva 14 eventi. Siamo ancora ben lontani dal boom del Texas Hold’em, che non a caso era presente in soli 4 tornei, Main Event incluso:

  • Un $1.000 vinto da Jim Doman
  • Un $1.500 vinto da Ralph Morton
  • Un altro $1.000 vinto da John Paquette.

Si arrivò così al Main Event, culmine di un’edizione in cui Billy Baxter vinse due eventi, così come David Sklansky. Sono in 104 a parteciparvi, ma solo 6 arrivano al tavolo finale:

  • Jack Straus
  • Dewey Tomko
  • Berry Johnston
  • Doyle Brunson
  • J. Myers
  • Dody Roach

L’impresa di Jack Straus

Ci sono diverse versioni sulla storia di Jack Straus e di come sia arrivato a vincere il Main Event WSOP 1982. La più comune è che ad un certo punto del torneo abbia spinto tutte le chip nel piatto, sia stato chiamato dall’avversario e abbia perso la mano.

Straus pensava di essere stato eliminato dal torneo, ma quando si alzò dal tavolo trovò una chip rimasta sotto ad un tovagliolo. Dal momento che non aveva dichiarato l’all-in nella mano precedente, il direttore del torneo gli permise di continuare a giocare.

Nel libro del 2005 All In, che parla della storia delle WSOP, viene confermato come Jack Straus fosse stato sul punto di perdere tutto non al final table, come riportavano alcuni, ma durante il secondo giorno di gioco. Cosa che non fa che aumentare la portata della sua incredibile impresa.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Quel bluff storico

Jack Straus è ricordato anche per un’altra situazione: uno dei bluff più celebrati della storia.

Mentre stava giocando ad un tavolo cash di NLHE, Straus decise di rilanciare al buio, avendo vinto molti piatti nelle mani precedenti. Quando spillò le carte, vide che erano 7-2. Un giocatore chiamò il suo raise, e il flop fu 7-3-3.

Straus puntò, ma il suo avversario, un giocatore particolarmente tight, rilanciò. Jack sapeva di essere battuto, ma decise di provare a rappresentare un trips di 3 e chiamò. Il turn fu un inutile 2, ma ‘Treetop’, come veniva soprannominato per la sua altezza, proseguì nel suo piano.

Puntò forte, talmente forte che l’avversario cominciò a rifletterci. Dopo qualche minuto, Jack Straus chiese al suo avversario se era disposto a dargli 25 dollari per mostrargli una delle due carte. L’oppo accettò e Straus mostrò un 2.

Dopo averci pensato su ancora parecchio, l’avversario decise che anche l’altra carta di Jack doveva essere un 2 e quindi foldò.