Vai al contenuto
mustapha kanit high roller wsop

“Oggi è un altro giorno!” Il mindset di Mustapha Kanit dopo lo scoppio al 25k HR WSOP

Al day 1 del 25k High Roller WSOP che ha visto Domenico Gala chiudere 27° con scoppio e Dario Sammartino accedere ai 19 left del final day, Mustapha Kanit è durato poco: una ora esatta di orologio.

Come ha raccontato egli stesso in un video pubblicato sui social dopo l’eliminazione, fatale è risultato un overpush di 100 big blind con coppia di re.

Nello stesso video Musta si è sfogato un po’ in preda al tilt, ma gli è bastato un po’ di riposo per smaltire ogni scoria e rimettere il mindset a posto.

Così stamani, prima di dirigersi alle WSOP, Kanit ha pubblicato su Instagram tre video in cui ha dispensato pillole di saggezza pokeristica proprio sull’aspetto mentale/emotivo del gioco.

Il tilt a caldo

Ieri dopo l’eliminazione Kanit ha sfogato la sua rabbia come potete vedere in basso. Oltre alla sequela di ‘bullshit’ a inizio video, è emblematica la chiosa finale:

“Si vede che small blind ha il piatto perfetto da prendere con coppia di jack, jack al turn, soldi a lui e tilt a me…” e poi due parole in italiano che non riportiamo.

Un nuovo inizio

Nei video pubblicati questa mattina vediamo invece un Musta completamente nuovo.

‘”Oggi è un altro giorno, è questo il mindset che devi avere nel poker. A me succede sempre così, dormo, mi riposo e mi alzo completamente a posto, pronto a crushare e contento di essere vivo.”

Il mantra del pokerista: ogni fine è un nuovo inizio.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Accettare le proprie emozioni

Musta sfata poi il luogo comune che vuole il pokerista capace di non farsi toccare dalle emozioni. Più che non farsi toccare dalle emozioni, dice l’azzurro, il pokerista deve saperle comprendere, abbracciare e vivere nel modo giusto.

“Accettare le proprie emozioni è qualcosa che tante persone dimenticano. É ok essere tristi, è ok essere matti, è ok essere contenti. Quando giochi tagliare via del tutto le emozioni non è una cosa positiva, una cosa positiva è invece abbracciarle”

Il bello del poker

Proprio la gamma di emozioni che il poker permette di vivere è uno degli aspetti del gioco che più piacciono a Kanit:

“Il poker è bello perché ti fa sentire vivo, matto, felice… Una delle ragioni per cui amo il poker è la competizione e certo, dare di matto ogni giorno non è bene, ma è una cosa che fa parte della vita e può capitare”.

Infine, prima di partire alla volta del 1.500$ WSOP, Musta si dichiara pronto.

“Oggi è un altro giorno e avremo a che fare con altre questioni e altri problemi, o magari non avremo problemi e sarà una simpatica giornata “da crociera”, ma ad ogni modo siamo pronti? Siamo pronti a essere tristi e felici, siamo pronti a sucare? Sì siamo pronti, let’s go!”

Dopo anni passati a scrivere di altro, in un periodo sabbatico mi sono appassionato al poker e dal 2012 è diventato il mio pane quotidiano. Intanto ho scritto un paio di libri che niente hanno a che vedere col nostro meraviglioso gioco.
MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI