Vai al contenuto

La mano che ha portato Natale Allegra al terzo posto del Main WSOP Circuit, con parole sue

Al tavolo finale del Main Event WSOP Circuit Rozvadov sono arrivati due italiani. Federico Pagliuso ha alzato bandiera bianca in ottava posizione per 31.200€ di premio.

Meglio è invece andata a Natale Allegra, che si è fermato sul gradino più basso del podio dopo essersi qualificato con un doppio satellite live da 220€ di buy-in (la spieghiamo sotto).

Il 50enne di Catelbuono, in provincia di Palermo, ci ha raccontato la mano decisiva per il terzo posto finale che gli è valso 83.900€.

La mano

Il torneo è a sette left con un payout verticale: il primo eliminato incassa 40 mila euro a fronte di una prima moneta di 200 mila euro tondi.

“Apre original raiser x2 quando questo olandese, Svan Staalduinen, va in tribet lunga. Io sono abbastanza corto e spillo coppia di nove da bottone. Data la situazione di stack chiunque al mio posto avrebbe fatto shove. Invece foldo”.

Il potere dei tell

Allegra spiega che è grazie a un timing tell se è riuscito a prendere la decisione corretta per il momento.

“Avevo osservato molto l’avversario. Se non aveva mano buttava le carte in meno di dieci secondi. Quando aveva mano invece impiegava dai 27 ai 30 secondi per decidere. Dopo che l’ho visto impiegare 27 secondi prima di tribettare, ho impiegato due secondi a foldare”.

Decisione appropriata: l’olandese aveva una coppia di assi.

Stessa mano, action diversa

Schivare un colpo così manda in fiducia. Qualche mano dopo Allegra spilla un’altra coppia di nove, ma stavolta decide di pushare 11x da small blind sulla apertura di Melchers da cutoff.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Il francese chiama con AK, board liscio e Natale si porta alla quarta posizione del chipcount. Melchers uscirà poi in settima posizione mentre l’olandese Staalduinen in quinta.

Raccontando la mano contro quest’ultimo, Natale ha specificato che se non avesse foldato non sarebbe mai arrivato al terzo posto. Ma del resto il colpaccio è sembrato scritto nel destino.

Quelle fortuite coincidenze

Allegra infatti non doveva essere a Rozvadov. Con il suo storico compagno di trasferte live dovevano andare a Nova Gorica, poi uno sciopero dei dealer gli ha fatto cambiare destinazione.

I due sono arrivati al casinò King’s venerdì della scorsa settimana e in men che non si dica Allegra si è schierato a un satellite da 220€ per il Main Event, vincendolo. Il sabato ha giocato il day 1 ed è stato eliminato nelle ultime battute, con coppia di re settata al flop contro una scala incastrata in runner-runner.

Domenica mattina si è iscritto a un satellite turbo che dava accesso direttamente al day 2 del Main Event, sempre da 220€ di buy-in. Questa volta gli è andata decisamente meglio.

COMPARAZIONE GIOCHI
Giornalista pubblicista dal 2005, in un periodo sabbatico mi sono appassionato al poker e dal 2012 è diventato il mio pane quotidiano. Intanto ho fatto anche altro, tipo scrivere due libri che niente hanno a che vedere col nostro meraviglioso gioco.