Vai al contenuto

Intervista a Valentina Ciarrocchi: “ecco perché sono felice di lavorare nell’ambiente del poker”

Abbiamo contattato Valentina Ciarrocchi durante la sua trasferta lavorativa in quel di Dakar, dove sta coordinando una tappa pokeristica. Abbiamo chiesto alla giovane marchigiana di puntellare i passi più importanti della sua carriera, tra aneddoti, remore e vittorie professionali.

Intervista a Valentina Ciarrocchi

1. Riserviamo a chi atterra per la prima volta su AssoPoker una sorta di “domanda e risposta a piacere”, nella quale sarebbe carino che il protagonista delle nostre interviste si presenti e parli un po’ di sé. Vuoi regalarci questo passaggio? 

“Buonasera a tutti, ringrazio Assopoker per questa intervista. Sono Valentina Ciarrocchi, originaria e orgogliosa della mia terra nelle Marche , la quale rappresenta il mio rifugio personale ogni volta che il lavoro me lo permette.  Attualmente sono una floor man, con una vocazione particolare alla gestione dei tavoli cash, una professione che parte da lontano quando ero floor man al Casino di Campione, che allora decise di investire sulla mia professionalita. Sono una freelance che lavora nei maggiori circuiti internazionali, e sono molto contenta di come stanno procedendo le cos

2. Come hai conosciuto e in quale occasione hai preso il primo contatto con il poker?

“Ho semplicemente iniziato tanti anni fa nelle poker room marchigiane, da lì a poco è arrivata la prima trasferta al casinò”.

Valentina giocatrice

3. Quali sono stati i primi passi in questo mondo e se ti sei mai approcciata come giocatrice?

“Ho avuto la fortuna di iniziare subito a Campione, con una semplice trasferta da dealer. Ero così piccola, salii su quel treno con gli occhi pieni di gioia perché il mio sogno di poter approdare in un casinò, si stava trasformando in realtà. Con Campione fu subito amore a prima vista, infatti sposai il progetto fino al luglio del 2018. Credo di aver giocato 3/4 tornei in tutta la mia vita, ammetto di essere totalmente una frana oltre che “giocatrice” più chiusa della storia”.

4. Quando hai capito di poter svolgere la professione che svolgi in questo momento?

“La scuola campionese e’ stata per me una macchina da guerra per il cash game, ovviamente insieme alla squadra con cui ho lavorato per anni, c’erano limiti diversi, tavoli ovunque, action pazzesche e quando durante un evento con più di 25 tavoli cash, riesci ad avere la totale padronanza della gestione della sala e il rispetto dei giocatori, pur essendo una presenza femminile, comprendi che nulla ti può più spaventare e, in quel preciso istante, capii che il mio posto era lì.

Adoro le sfide e mettermi in gioco, sono molto critica con me stessa ma se mi pongo un obbiettivo così come nella vita riesco sempre a portarlo al termine”.

L’inizio come dealer e quel tavolo finale

Valentina Ciarrocchi - Mara Alescio
Valentina Ciarrocchi – Mara Alescio

5. Hai probabilmente cominciato come operatrice ai tavoli, come dealer. Quali sono i ricordi più belli che ti porti dietro da quella esperienza?

“Ho con me molti ricordi da Dealer, senza ombra di dubbio il ricordo più significante è stato il mio primo ft streaming per il WPT National insieme alla mia amica del cuore Mara Alescio. Quando vidi il mio nome piansi dall’emozione , non volevo farlo, non avevo mai contato tutti quei gettoni , nemmeno mai visto un riflettore, dissi subito no , il mio direttore mi disse: – va bene Ciarrocchi , se non sei all altezza puoi fare le valige adesso e tornare a casa –. Crollai in lacrime, andai a casa e insieme a due miei colleghi passai la notte a fare tetris e spinte di gettoni … mi presentai l’indomani con le mani tremolanti e un magone in gola ma avevo preso quelle parole come un affronto… Il tavolo finale fu perfetto , scesi dal palco e il mio direttore mi disse : -Vale sapevo non mi avresti deluso, sei come Balotelli , non sbagli un rigore…- Li la mia gioia e la mia soddisfazione è stata da brividi…”

7. Nell’ultimo periodo la tua carriera ha fatto degli enormi passi in avanti. A cosa è dovuto a tuo parere questo salto di qualità?

“Il mio sviluppo professionale è stato graduale partendo da semplice dealer fino a coordinare in prima persona uno specifico reparto, cash in particolare. Non c’e una ricetta o un segreto particolare. Al di là dell’impegno e della serietà, penso che la cosa più importante sia l’entusiasmo che da sempre mi accompagna e per certi versi mi contraddistingue”.

La trasferta di Dakar di Valentina Ciarrocchi

8. So che sei a Dakar, come sta andando da quelle parti?

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Sono arrivata a Dakar direttamente da Madrid giovedì scorso,dopo essere stata al Winamax Casinò Torrelodones, evento spettacolare tra l’ altro.

Dakar wow! Mi ha rubato il cuore. Sono qui al cash dove abbiamo la media di 10/11 tavoli al giorno , Omaha, Hi, Texas, PLO, inaspetttato. Lo staff con il quale collaboro è qualcosa di unico, persone umili che hanno voglia di lavorare, di confrontarsi, di imparare, di migliorare, pur essendo un paese così semplice, hanno un sorriso spettacolare in tutto, una gentilezza fuori dal normale, devo ammettere che mi sto trovando benissimo, lavoro parecchio, dormo poco perché amo svegliarmi presto per poter giocare con i bambini dell’hotel perché i loro sorrisi mi hanno fatto capire che la vita ha sempre qualcosa da insegnarci. Sarei anche disposta a rimanere qua per qualche mese, non lo nego, a livello umano è qualcosa di incredibile .

La gestione del cash e veramente sopra le mie aspettative, tavoli hight stakes in una sala privata con la propria cassa per poter cambiare direttamente lì, ottimi buffet in ogni area, macchine per il caffè a disposizione per tutti i clienti, vallet per ogni tavolo con sorrisi smaglianti e una dolcezza unica, zero attese, ristorazione h24 con servizio ai tavoli ,
Zero code in cassa , e runner continui per il cambio cash. Mi spiace partire lunedì, ma sarà una meta da ripetere assolutamente .

Nessuna preparazione particolare

9. Adesso c’è Venezia con lo spettacolo degli High Stakes e giocatori più in vista del mondo. Ti stai preparando in maniera particolare a questo evento, oppure lo affronterai come hai sempre fatto per un evento standard?

“Nessuna preparazione particolare. Non giustifico più impegno a fronte di un evento che può risultare diverso dal solito.
Sicuramente non posso che essere orgogliosa di poter far parte di un evento così prestigioso .

Volerò a Barcellona per il million di Party Poker… Ringrazio di cuore il Sign. Salvatore Vendemini e tutta la direzione dell’ Imperium Room per aver creduto in me, e tutti partner, colleghi con il quale sto collaborando . Arriverò a Nova Gorica il 13 giugno Per il Centurion 200k gtd evento in collaborazione Perla – Imperium. Un in bocca al lupo ai miei colleghi dell Imperium per il barracuda 150k che si sta svolgendo a Milano. Forza 👏!!”

10. Cosa preoccupa Valentina Ciarrocchi o la affascina di più in un futuro come quello che sta per affrontare il poker alla luce della sua carriera professionale?

“In questo momento non ho preoccupazioni particolari per la mia carriera professionale,credo che la pandemia sia terminata, e il poker live ci darà ancora delle emozioni . Mi affascina scoprire nuovi posti e nuovi casinò, perché c’è sempre da imparare . La cosa fondamentale è rimanere con i piedi per terra e metterci il cuore sempre . Ovunque . Grazie a tutti”.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".