Vai al contenuto

WPT Borgata Poker Open: rimontona Leong, delusione McKeehen-Timoshenko

Ti aspetti il guizzo di Yevgeniy Timoshenko, o la conferma di Joe McKeehen, e invece il WPT Borgata Poker Open Main Event 2016 se lo porta a casa il giocatore che non t’aspetti: Chris Leong.

Al  Borgata Hotel Casino & Spa è andata in scena una delle classiche storie da poker: l’eroe locale che spunta dal nulla, parte da netto sfavorito, supera addirittura due campioni, si presenta in heads-up in svantaggio ma alla fine trionfa e fa festa grande con gli amici.

Perché questo, riassumendo, è proprio quello che è successo nella giornata di ieri. Leong, ragazzo di New York, aveva cominciato il final table da short-stack, ma ribaltando ogni pronostico si è portato a casa titolo, primo premio da $816.246 e un posto di diritto al WPT Tournament of Champions.

Dicevamo di Timoshenko e del campione del mondo in carica McKeehen. Yevgeniy si è arreso in 5° posizione, quando la sua pocket pair di 4 nulla ha potuto contro quella di dame proprio di Chris Leong.

Per Joe, invece, un’eliminazione al 4° posto dovuta al suo K-Q che si è scontrato con l’A-T suited di Rafael Yaraliyev: board A-K-J-9-7 e per il vincitore del WSOP 2015 Main Event non c’è stato più nulla da fare.

In precedenza, l’eliminazione al 6° posto di Matthew Wantman, ritrovatosi dal lato sbagliato di un lancio della monetina: Q-Q per lui, A-K per Yaraliyev e un asso che ha decretato la prima eliminazione dopo quattro giri completi.

Gradino più basso del podio per Liam He, eliminato nella mano successiva alla metaforica dipartita di McKeehen. Con 7-7, He pregustava già il raddoppio contro il 5-5 di Leong, fortunato però a trovare un set al flop e a presentarsi così in heads-up.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Pronti-via e l’heads-up prendeva subito una piega diversa. Raise a 450.000 (stack 14,2 milioni) di Leong, re-raise a 1,2 milioni (stack 21,7 milioni) di Yaraliyev e altro rilancio, stavolta a 3,7 milioni, per Leong.

Call sofferto di Yaraliyev e il flop è A 8 2 . Yaraliyev dice 3,7 milioni, Leong chiama e al turn ecco un 4 . Doppio check e il river presenta un 9 . Qui, Yaraliyev punta 2,8 milioni: Leong va in the tank, ma alla fine chiama con A K e si prende un “nice call” dal suo avversario, che getta le carte nel muck e gli regala piatto e leadership.

Finita qui? Affatto. L’heads-up durava oltre 100 mani, più del resto del final table. I due si scambiavano la leadership un paio di volte, prima che Leong andasse all-in nell’ultima mano e venisse chiamato da Yaraliyev con Q Q .

Leong mostrava A 8 e trovava proprio la carta necessaria a ribaltare le sorti del colpo (un asso al turn), conquistando così il torneo e relegando il pur ottimo Yaraliyev a un secondo posto da $487.288.

Il payout del final table del WPT Borgata Poker Open 2016

  1. Chris Leong $816.246
  2. Rafael Yaraliyev $487.288
  3. Liam He $297.995
  4. Joe McKeehen $249.267
  5. Yevgeniy Timoshenko $206.160
  6. Matthew Wantman $166.803