Vai al contenuto

WPT Prime Sanremo: Zarbo, Pignataro, Carta e Iervasi al final table!

C’è tanto fermento, nella Città dei Fiori, come ai vecchi tempi. Il WPT Prime Sanremo ha riscosso un bel successo, con 781 iscritti al Main Event da 1.100€ che è arrivato al suo atto finale. Diversi i volti noti presenti, alcuni eliminati proprio sul finire del day 2 come Gabriele Lepore e Mario Adinolfi. Gli italiani sperano comunque nel sempre solido Giuseppe Zarbo, in Gigetto Pignataro e nel redivivo Erico Iervasi, oltre alla sorpresa Priamo Carta.

WPT Prime Sanremo: in 8 per 124k e il sogno Las Vegas

Al Casinò di Sanremo sembrava di essere tornati indietro di almeno 10 anni, con tanti giocatori per un grande torneo di poker live, e nomi a vario titolo storici del movimento italiano che si sono rivisti, alcuni dopo molto tempo.

Dai quattro flight previsti del Main Event WPT Prime Sanremo erano emersi 99 dei 781 paganti, cifra che aveva creato un prizepool davvero interessante da oltre 734mila euro. La prima moneta sarà da 124.700€, cifra che comprende anche un ticket da 10.400$ per il WPT World Championship del Wynn di Las Vegas, nel dicembre prossimo.

Quanta Italia (di ieri e di oggi)!

E tra i 99, tutti già a premio, ce n’era un po’ per tutti i gusti. C’erano i grinder live in carriera come Fabio Peluso, Michael Uguccioni e Lorenzo Arduini, rounder inossidabili come Claudio Di Giacomo e Andrea Agnoletto, e volti noti ma che non si vedevano da un po’ negli eventi live: Giorgio Bernasconi per esempio, ma anche Mario Adinolfi e Gabriele Lepore.

Poi c’era Muhamet “Mario” Perati, che però ha mostrato il solito difetto che si porta dietro, ovvero essere tra i primissimi nei vari day 1 e day 2, ma poi non riuscire a confermarsi nei final table. Per il player ligure è una sorta di maledizione, visto che nonostante partisse al quarto posto nel day 2, che aveva 99 qualificati tutti già a premio, è uscito al 44° posto per 3.580€.

L’avvocato Giorgio Bernasconi, altro nome che evoca tanti ricordi agli appassionati di vecchia data, riusciva a resistere a modo suo fino al 20° posto, ma poi cede in un colpo imparabile, trovando AA a sbarrare la strada ai suoi 77 da short stack.

Uguccioni coolerato, Adinolfi drawing dead

Un altro possibile protagonista del final day poteva essere Michael Uguccioni, che però è caduto al 17° posto in un colpo difficilmente arginabile.

Su un board 10 9 7 4 6 , il marchigiano si trova impantanato insieme al rumeno Stanciu, che manda tutto per 1,5 milioni su piatto da circa 900mila. Michael è coperto ma non di molto, avendo dalla sua 1,3 milioni che in quel momento equivalgono a 26bb (livello 25.000/50.000 BB ante 50.000). Alla fine, Uguccioni fa call mostrando 9 8 per una scala chiusa al river, purtroppo per lui inutile, visto che Stanciu aveva chiuso il suo flush al turn con 8 6 .

Tra i grandi protagonisti del torneo c’era anche Mario Adinolfi, con il suo gioco variopinto che lo porta a grosse salite e repentine discese. Rimasto con meno di 10bb, Mario li mette tutti sul flop q 8 4 , ma i suoi q 3 si scoprono indietro ai a q di Devid Berlin, che poi lo lascia drawing dead sul turn a .

Gigetto su, Galb giù

Una buona e una cattiva notizia per altri due nomi storici del poker live come Luigi Pignataro e Gabriele Lepore. Gigetto trova un raddoppio esiziale con JJ vs TT di Ostrowski, mentre Galb si ritrova suo malgrado fuori dopo una mano che “grida vendetta”.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Lepore apre a 200.000 da UTG e il solo Anas Belatik, sul big blind, decide di accettare la posta. Sul flop 8 9 6 , Belatik fa check-shove per 1,4 milioni sulla continuation bet a 250.000 di Galb, che copre leggermente l’avversario in chips e chiama.

  • Lepore k k
  • Belatik a 8

Il marocchino si scopre molto dietro, ma il 8 al turn gli regala un insperato trips e per Gabriele Lepore, rimasto con circa 250mila e out la mano seguente, c’è una clamorosa uscita in dodicesima piazza.

La strada, tuttavia, non sarà lunghissima nemmeno per Belatik, out 10° per mano dell’azzurro Carta, KK vs 44.

Così, quando Giuseppe Zarbo elimina il francese Iellai in nona posizione, abbiamo un final table.

Il final table

POSTONOME E COGNOMENAZIONESTACKSTACK IN BB
2Priamo CartaItalia6.750.00045
3Vladas BurneikisLituania2.025.00013
4Erico IervasiItalia2.075.00013
5Traian StanciuRomania10.650.00071
6Giuseppe ZarboItalia7.475.00049
7Luigi PignataroItalia2.975.00019
8Uladzimir LuchkouBielorussia2.575.00017
9Kym NguyenFrancia4.525.00030

WPT Prime Sanremo Main Event: per cosa si gioca

Gli otto rimasti al WPT Prime Sanremo Main Event giocheranno per il seguente payout:

1. 124 700€ (+ Ticket 10.400$ WPT World Championship Wynn Las Vegas)
2. 77.000€
3. 57.000€
4. 43.000€
5. 32.500€
6. 24.700€
7. 19.000€
8. 14.700€

Immagine di copertina: Luigi Pignataro (repertorio PokerNews)

"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".
MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI