Vai al contenuto

WSOP $777: Massimo Maxshark Mosele a caccia del braccialetto!

wsop-banner-1Quattro è meglio che uno, ma uno è meglio che zero. L’ubriacatura di ieri, vedendo 4 italiani tra i 61 rimasti al day 3 del WSOP Lucky Sevens e Rocco Palumbo chipleader, si è affievolita ma non del tutto: abbiamo Maxshark tra i 10 rimasti!

WSOP Event #66 – $777 LUCKY SEVENS No Limit Hold’em

La giornata partiva col piede sbagliato, con Fiodor Martino subito out. Per contro, Massimo Maxshark Mosele resisteva con la consueta solidità, Palumbo continuava con la sua corsa nei quartieri alti e Perati si concedeva momenti di spettacolo: uno squeeze all-in contro due avversari più corti, ai quali poi “Supermet” mostrava, dopo il loro fold, un bel 7-2 off!

Poi il pro ligure di origini albanesi dovrà arrendersi in 41esima piazza in un colpo tutt’altro che fortunato: su flop 6 7 8 Mario finisce ai resti contro Nancy Nguyen, che gira 7 7 per un set. Perati però può vantare tutte le chance di un combodraw con i suoi k 10. Turn e river non portano gli aiuti sperati e gli italiani in corsa restano due.

Rimasti in 15, Rocco Palumbo cade in un colpo preflop contro Davud Yu, stavolta da dominato: KQ vs AQ e niente da fare anche per lui, che ora riserverà tutte le energie residue sul Main Event.

Ci resta un solo giocatore, quando ormai non sono che 10 i player rimasti a caccia di questo inedito braccialetto: il suo nome è Massimo Mosele. Ecco come si congeda “Maxshark” su Facebook;

maxsharkCome conferma Mosele, l’intenzione iniziale della direzione del torneo era di proseguire fino alla composizione del tavolo finale ufficiale, ma i raddoppi degli short hanno indotto il TD a sospendere le operazioni e lasciare i giocatori riposare.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

A contendere il braccialetto al pro torinese ci saranno dunque 9 avversari, tra cui spiccano i nomi di Matt Matros e Faraz Jaka. In testa ci sarà il “killer” di Palumbo, David Yu:

count-777

 

"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".