Vai al contenuto

WSOP e Shot Clock: Dietrich Fast usa il time bank con poker d’assi e fa infuriare Negreanu

Tra le novità di queste WSOP 2018 – e in generale del poker live negli ultimi tempi – si è fatto un gran parlare dello Shot Clock come un elemento positivo. Così è, per molti versi: avere decisioni più rapide al tavolo è in generale una buona notizia, anche se ci sono spot complessi dove qualcuno si potrebbe trovare penalizzato.

Cosa sono i TBC (Time Bank Chips)

Però ci sono i Time Bank Chips (TBC) che regalano ulteriori 30 secondi. Ogni giocatore ne ha a disposizione 3 al giorno e, in caso di mancato utilizzo, li restituisce per averne altri 3 il giorno seguente. Come ci ha appena insegnato Dietrich Fast, i TBC possono essere anche un’arma tattica.

Registrati a PokerStars.it e gioca subito a SuitRace!

Shot clock “tattico”: così Fast fa infuriare Negreanu

Tutto è accaduto durante il day 1 del WSOP event #5, No Limit Hold’em High Roller da 100.000$. Dopo fold generale, Dietrich Fast apre da bottone a 25.000, chiamato solo da Daniel Negreanu sullo small blind.

Sul flop a 10 a entrambi i giocatori fanno check.

Così il dealer serve il turn che è un terzo asso: a . Qui Daniel esce di 20.000 e Fast chiama.

Il river è una q , Negreanu stavolta punta 30.000 e Fast usa una TBC per acquisire altri 30 secondi, prima di rilanciare a 85.000.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto
Daniel Negreanu
Daniel Negreanu

“Hai davvero usato una time extension per questo? Cioè, se hai davvero l’asso e hai usato la time extension sarebbe terribile!” esclama Daniel prima di effettuare il call.

Fast mostra effettivamente a 4 per un poker d’assi e Negreanu non la prende bene “Mi sento insultato dal fatto che tu abbia sprecato 30 secondi così”.

Daniel avrebbe chiamato ugualmente e il time bank è stato effettivamente sprecato da Fast, oppure siamo di fronte a una nuova frontiera dello slowroll?

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".