Vai al contenuto

I satelliti e il posto ormai garantito: giusto bullare la bolla?

Esiste una strategia per i satelliti? Ovviamente sì!

La specialità dei satelliti, quei tornei a basso buy in che permettono l’iscrizione a tornei più importanti, ha sempre solleticato la curiosità dei giocatori, soprattutto quelli che stanno cominciando a muovere i primi passi nel mondo del poker o stanno piuttosto attenti al loro bankroll e non vogliono fare il passo più lungo della gamba.

Questo articolo è stato scritto da Chad Holloway, storico blogger ed editorialista di Pokernews, che mise a disposizione la propria esperienza alla mercé degli appassionati del giochino.

In questo pezzo parlò della sua run ad un satellite per un Main Event del MSPT, Mid-States Poker Tour, da $1.100, dal buy in di $250.

20 posti ai satelliti per il Main Event

Queste qualificazioni da $ 250 sono un ottimo rapporto qualità-prezzo per coloro che desiderano partecipare a un evento principale delle MSPT senza pagare tutto il costo di iscrizione. I giocatori iniziano con 12.000 chips e ogni livello dura 30 minuti. In quel particolare giorno, la qualificazione ha attirato 99 partecipanti, il che significa che i primi 20 classificati avrebbero vinto un posto da $ 1.100 per il Main Event.

È importante notare che i satelliti sono diversi dal torneo quotidiano. Nel secondo può esserci un solo vincitore, ma nel primo ci sono numerosi giocatori che se ne vanno con lo stesso premio: una sedia in un torneo più grande. In questi casi, non c’è differenza tra avanzare da chip leader o short stack, è lo stesso. Pertanto, devi adattare a questo passaggio la tua strategia.

Ad esempio, supponiamo che tu sia seduto con uno stack medio di 60.000 e sei in bolla, il che significa che manca solo un’eliminazione,  prima che tutti gli altri vincano il loro posto. Sei il primo ad agire e spilli una coppia di assi, che ovviamente è la mano migliore nel poker. In un torneo regolare la risposta è irrevocabilmente affermativa, ma in uno scenario come un satellite, la risposta definitiva non è sempre quella corretta.

Con uno stack medio non sei in pericolo.  Ovviamente i tuoi assi saranno i favoriti per la vittoria finale, ma c’è sempre la possibilità che vengano crackati, e occorre fare una certa attenzione prima di giocarli in modo spavaldo.

21 giocatori left

Con 21 giocatori rimasti, eravamo in bolla e avevo un sacco di chips. Runnavo molto bene e avevo accumulato circa 200.000, ovvero circa il 20% delle chips in gioco. Di solito seguo il mio stesso istinto di giocare molto stretto, ma avevo così tante chips che mi sono concesso un po’ di divertimento. Vedete, il secondo stack più grande al mio tavolo era di circa 70.000, il che significa che potevo raddoppiare qualsiasi stack più corto ed essere comunque il chip leader. Senza nessuna minaccia credibile per il mio stack, avrei potuto creare scompiglio bullando la bolla.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Il mio piano per farlo era pushare tutto ogni mano senza guardare le mie carte. Sembra sciocco, ma prenditi un momento per pensarci. Con così tante chips puoi dettare l’azione e mettere tutti in difficoltà. La maggior parte dei giocatori aveva uno stack medio, il che significa che la strategia giusta per loro era foldare ogni mano nella speranza che uno dei due short stack al tavolo o qualcuno a un altro tavolo venisse eliminato. Anche se qualcuno mi avesse chiamato, avevo chips più che sufficienti per assorbire il colpo.

Certo, avrei potuto aspettare, ma con così tante fiches mi è stato garantito un posto, qualunque cosa fosse accaduta. Se avessi finito per perdere un piccolo colpo, avrei scalato la marcia e avrei aspettato che la bolla scoppiasse da sola, ma fino a quando non fosse successo, avevo deciso di divertirmi.

Gli assi allo short stack

Mi sono attenuto al mio piano di rilanciare all in ad ogni mano, e alla fine uno degli short stack ha chiamato dal big blind con una coppia di assi. Essendo uno degli stack più corti del torneo, aveva senso per lui solo puntare al suo raddoppio. Avrebbe potuto foldare e sperare che uno degli altri stack venisse eliminato per primo, ma ha preso giustamente in mano il suo destino.

Ad ogni modo, ho scoperto le mie due carte q 3 . Secondo PokerNews Odds Calculator, avevo il 12,19% di possibilità di crackare gli assi, mentre lo short stack avrebbe raddoppiato l’87,45% delle volte. Sono riuscito a trovare una donna e due picche al flop, e poi una terza carta al turn mi ha dato un progetto di colore. In altre parole, avevo un sacco di out. Con grande sgomento del mio avversario – e sollievo per gli altri 19 giocatori che guardavano l’azione – una quarta picche è arrivata al river e il mio modesto 3 mi ha dato il colore per la vittoria della mano. Avevo crackato gli assi per far scoppiare la bolla.

Questa è chiaramente una situazione unica, in cui probabilmente non mi ritroverò presto. Tuttavia, il punto è che, quando si tratta di tornei di poker, è necessario identificare costantemente la situazione in cui ci si trova e agire di conseguenza. Se ti trovi con moltissime chips e non hai problemi per vincere il tuo ticket, il consiglio è quello di bullare la bolla con una pressione implacabile, quando è possibile.

 

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".