Vai al contenuto
xxxT-Birdxxx

xxxT-Birdxxx, il misterioso vincitore del Sunday Special: “Sogno il Main Event WSOP”

xxxT-Birdxxx. Probabilmente questo nickname vi dirà poco o nulla, eppure stiamo parlando di un giocatore che non solo ha appena vinto il Sunday Special, ma che già ci era andato vicino nel 2013, arrivando 2° nell’edizione speciale da €500.000. Giocatore che ci tiene a mantenere la sua privacy, sempre tre anni fa chiuse in top 5 la classifica dei migliori giocatori di MTT online d’Italia, anche grazie a un 5° posto in un evento SCOOP.

Dice: ma se non si sa neppure come si chiama, come avete fatto ad intervistarlo? Semplice: chi vi scrive lo conosce dai tempi del liceo, “quando ho imparato da te l’arte del bluff, durante le lezioni di storia dell’Arte in cui facevi finta di aver visitato ogni posto, città o museo di cui parlasse la professoressa”.

E insomma, non sarai come Marco Macellari, che ne ha vinti due, ma anche tu non scherzi nei Sunday Special, eh?

xxxT-Birdxxx: Sono molto più contento oggi di tre anni fa, anche se ho vinto praticamente un terzo (nel 2013 intascò €63.0000). È una grandissima soddisfazione arrivare primi. L’altra volta, quando sono arrivato secondo, mi è rimasto un po’ di amaro in bocca: pensavo di avere un vantaggio contro il tizio che era in heads-up contro di me (‘Nynfadora’, ndr) e invece è andata male. Lo Special è un torneo che volevo vincere da tanto tempo.

A proposito di tempo, caro xxxT-Birdxxx, sono ormai sono anni che giochi a poker online.

xxxT-Birdxxx: Ho cominciato se non sbaglio nel 2008. Versai 10 euro mi sembra: so che dicono tutti così, e che non posso dimostrarlo, ma non ho mai più fatto versamenti a parte una o due volte, agli inizi, quando volevo provare uno shot in tornei fuori bankroll.

Spesso ho avuto dei grossi downswing, roba che ti può ammazzare, ma ho sempre insistito e ci ho sempre creduto. Ho sempre avuto la capacità di rialzarmi. Il poker mi ha insegnato tante cose, quella di non mollare mai è una di queste.

Una delle tue principali qualità è sempre stata quella di non fare mai il passo più lungo della gamba.

xxxT-Birdxxx: È vero. Gioco un po’ di tutto, sia tornei sia cash. Ho sempre cercato di gestire il bankroll al meglio che potevo, non sono mai salito di livello troppo in fretta. Eppure c’è stato un periodo in cui sono riuscito a salire al NL400 su PokerStars. Ci ho provato, ma mi sono reso conto che era un limite troppo alto per me. Ora mi sono assestato sul NL100, mi piace molto lo Zoom anche se al NL100 Zoom mi sono avvicinato da poco e non posso ancora dire di batterlo con regolarità.

So che hai anche cominciato a provare qualche torneo live.

xxxT-Birdxxx: Sì e nel 2016 cercherò di giocarne qualcuno in più. Ci sono dinamiche totalmente differenti. Non direi che il gioco live è meno tecnico, come sostengono in molti, è che proprio subentrano dinamiche diverse. Live mi sento ancora carne da macello. Anche se il mio sogno, sarò banale, è quello di giocare il Main Event delle WSOP. E magari ritrovarmi con te al tavolo.

Ho in programma di andarci piano anche nel live, non voglio fare tentativi in tornei troppo impegnativi. Penso che giocherò al massimo tornei del livello dell’Italian Poker Tour, che ho già provato un paio di mesi fa a Malta: mi ero qualificato proprio vincendo un pacchetto online su PokerStars.it.

xxxT-Birdxxx
T-Bird sta anche per “Thunderbird”, storico modello di automobile prodotta dalla Ford

Torniamo al Sunday Special. Ci racconti un po’ com’è andata?

xxxT-Birdxxx: Esperienza bellissima. Devo dire che ho iniziato benissimo, sono riuscito presto a moltiplicare per 4 il mio stack iniziale, senza mai andare all-in. Ho vinto parecchi piatti senza neppure arrivare allo showdown. Devo dire che ho trovato situazioni perfette. Poi a un certo punto ho rallentato, pur rimanendo nelle parti alte del chip count.

La prima mano decisiva è stata un coin flip. Ho aperto con A-K off e un giocatore che rilanciava poco e giocava in maniera un po’ strana mi ha fatto una three-bet giantesca, quasi un terzo del suo stack. Non ricordo i bui, ma eravamo molto deep, sicuro io ero sopra i 100x. Mi sono fatto prendere dalla fase del torneo, penso di aver sbagliato a mandare la vasca, devo ancora rivedere la mano: lui aveva pocket pair di 9 e ha vinto.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Lì mi sono azzoppato e devo dire che è stata dura giocare fino a 2-3 tavoli left, perché ho sempre galleggiato intorno ai 30-40 big blind, insomma quel tipo di stack che non ti permette di inventarti troppe cose e con il quale devi giocare in maniera piuttosto standard. Ad un certo punto ho fatto un bel double-up e in poche mani mi sono ritrovato chip leader a 2-3 tavoli left.

Al final table non penso di aver giocato benissimo, ma è stato importante tenere duro e avere la testa giusta. Sono sempre stato aggressivo, a 6 left ero rimasto short e ho raddoppiato con A-J vs A-K: lì ho iniziato a pensare che forse era il mio torneo. Ho iniziato a macinare e sono arrivato anche ad avere il 50% delle chip in gioco.

Se devo trovare un giocatore che mi ha dato molto fastidio è stato ‘DavidTNT1990’. Ad un certo punto lui era chip leader e si divertiva a controrilanciarmi. Poi gli ho fatto passare la voglia e l’ho eliminato. Ho fatto un po’ di errori e lo ammetto, ma mi è andata bene.

Hai ottenuto parecchi ottimi risultati online, come mai non hai mai pensato di diventare un professionista?

xxxT-Birdxxx: Perché ho un buon lavoro che mi piace e onestamente non penso che riuscirei a guadagnarmi da vivere facendo solo il pokerista. Però visti i guadagni che ho ottenuto effettivamente dovrei considerarmi almeno un semi-pro (ride, ndr).

Chissà, forse se online ci fosse la liquidità condivisa… Mi piacerebbe tanto giocare sul .com, la cosa che soffro di più nel poker è proprio quella. Potersi confrontare con giocatori di altre scuole è importante per la crescita personale e del movimento stesso. E poi è molto più divertente e ovviamente i montepremi sarebbero molto più grossi, nei tornei.

E dillo che nel nostro ormai classico pokerino di Santo Stefano ti ho battuto in heads-up.

xxxT-Birdxxx: Vero, è stata quella cocente delusione a darmi la spinta giusta per vincere il Sunday Special! (ride, ndr)

COMPARAZIONE GIOCHI CASINÓ