Vai al contenuto

Scommesse: i più forti negli Slam e nei Master 1000, l’analisi del guru del tennis su Nadal, Cecchinato, Fognini & C.

Aggiornamento: Fabio Fognini ha smentito tutti, anche l’analisi di Dan Weston. Ha battuto Nadal a Montecarlo ed è volato nella prima finale in carriera di un Master 1000. La prestazione dell’italiano è stata straordinaria contro un Nadal irriconoscibile.

Questa l’analisi alla viglia di Dan Weston, senza dubbio uno degli sport trader e scommettitori professionisti più famosi ed esperti nel tennis. Ha inventato un parametro che misura in modo fedele la qualità dei tennisti.

Weston calcola questo valore sommando due percentuali: sui game vinti al servizio (Hold) e quella sui game vinti in risposta (Break). In questo modo viene fuori un parametro per ogni giocatore che rispetta, in maniera fedele, il valore degli atleti.

Uno degli articoli sul tennis (relativo alle scommesse e non solo) dell’ultimo mese a mio avviso più interessante, porta la sua firma sul blog di Pinnacle.

Dan Weston ha analizzato le performance dei più forti al mondo contro i top 20 e, di fatto, svelato quali possano essere i favoriti dei tornei Master 1000 e degli Slam.

E’ vero che è in corso il Master 1000 di Montecarlo che ha visto cadere le teste più prestigiose del circuito ATP (ultima a rotolare è stata quella di sua Maestà Novak Djokovic) ma la sua analisi non fa una grinza e svela aspetti molto interessanti.

 

LEGGI OGNI GIORNO LE NEWS QUOTIDIANE SULLE SCOMMESSE SU ASSOBETTING: PRONOSTICI, ANALISI, NEWS E STRATEGIE!

 

“Per vincere uno Slam o Master 1000 bisogna battere più di 2 top 20”

L’analisi è molto utile perché dimostra che per vincere uno Slam, ad esempio, bisogna battere in media 2,40 giocatori appartenenti alla top 20. Per un Master 1000 invece l’average è di 2,44 (molto simile). In poche parole chi vuole arrivare in fondo ad un torneo così importante deve battere più di 2 giocatori top al Mondo.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

 

Sono 14 tornei analizzati: 5 Slam più 9 Master 1000. Solo in tre occasioni, il vincitore ha dovuto battere solo un top 20.

Pronostici di oggi
Calcio Mondiali 2022
Galles – Inghilterra

Partiamo da un presupposto: se il Galles non farà risultato, sarà fuori dal Mondiale. Poche chance per Bale e compagni, che però per credere nel miracolo devono per forza segnare e sperare. Pertanto, viene spontaneo considerare il segno "Goal": del resto, dopo il match a reti bianche con gli USA, risulta difficile pensare ad un'altra gara senza reti per gli uomini di Southgate. La quota è vicina alla pari, per cui - date le premesse - ha senso fare un tentativo.

goal/no goal ›
Goal
Calcio Mondiali 2022
Brasile-Svizzera

La partita ha un favorito evidente, ma la Svizzera ha una buona difesa ed è da sempre una squadra organizzata. Il Mondiale fin ora ci ha insegnato che partite semplici non esistono e che l'equilibrio si spezza soprattutto nei secondi tempi, quando con un po' di stanchezza affiorano le qualità dei singoli. L'esito più ragionevole e quello di un Brasile che potrebbe ripetere la prestazione dell'esordio accelerando nei secondi 45 minuti.

Parziale/Finale ›
X-1
Calcio Mondiali 2022
Galles – Inghilterra

Da un lato il Galles deve vincere e sperare, dall'altro l'Inghilterra ha due risultati su tre, e anche una sconfitta non clamorosa garantirebbe a Kane il passaggio del turno. Quindi, con Bale e compagni per forza di cose lanciati all'attacco in cerca del gol, l'Inghilterra potrebbe agire di rimessa, e - considerando tutti i fattori - secondo noi un pareggio per 1-1 potrebbe essere un esito possibile. Tentiamo la giocata sul risultato esatto, a quota peraltro fenomenale.

Risultato Esatto ›
1-1
Scopri tutti i pronostici

Le performance di Djokovic e Nadal

Ed i parametri di Weston rivelano aspetti molto interessanti. Se si analizzano i primi due al mondo, Novak Djokovic e Rafa Nadal, si capisce fin da subito che nel 2018 negli Slam, sono stati i giocatori più efficaci e vincenti contro i top 20.

Contro qualsiasi avversario la percentuale hold + break negli ultimi 12 mesi:

  • Djokovic 119%
  • Nadal 123,6%

Solo contro i top 20 la percentuale hold+break negli ultimi 12 mesi:

  • Djokovic 113,2%
  • Nadal 112,6%

La differenza:

  • Djokovic -5,8%
  • Nadal -11%

Nadal forte soprattutto contro i deboli (ma anche vs. i forti)

Nadal numero 1 sulla terra battuta: non lascia scampo agli outsider ed ha numeri vincenti anche contro i top 20 su tutte le superfici

Per Weston i parametri dei due top players sono di livello mondiale e spiegano le prestazioni del 2018. Ma il re della terra battuta perde comunque l’11% contro i top 20 rispetto gli avversari normali.

In ogni caso il parametro contro i più forti al mondo anche per Nadal (in valore assoluto) è ottimo, però contro gli avversari inferiori la vittoria sembra scontata.

Marco Cecchinato: meglio contro i top 20

L’unico giocatore che ha fatto meglio contro i top 20 rispetto al resto del “field” è il nostro Marco Cecchinato, specializzato nella terra battuta e semifinalista al Roland Garros. Ad esempio la percentuale di break ottenuta dall’azzurro nel 2018 contro i top 20 è del 27,4% mentre è del 19,9% overall. Weston pensa che molto probabilmente questo dato è giustificato dalla varianza, su un campione di match molto esiguo.

Il georgiano Nikoloz Basilashvili è un altro che ha performance ottime contro i Top 20, ha percentuali molto simili contro i più forti e tutti gli altri.

L’analista trader pubblica nel suo articolo i dati di tutti i più forti (senza dubbio un’analisi interessante da consultare).

I più competitivi contro i top 20

Oltre a Basilaschivili, i giocatori che hanno dimostrato di essere molto competitivi contro i top 20 sono Djokovic, Nadal e Cecchinato su tutti, ma non hanno scherzato neanche Juan Martin Del Potro, Roger Federer, Marin Cilic e Borna Coric.

I meno competitivi contro i top 20

Chi invece delude contro i più forti sono Kei Nishikori, John Isner, Stefanos Tsitsipas, Fabio Fognini e Diego Schwartzman.

Il caso Fognini

Per l’esperto trader Fognini e Tsitsipas non sono così competitivi contro i top 20 per un servizio non proprio al top (percentuali troppo basse). Isner invece ha solo il 4,3% di percentuali di break.

Fognini però a Montecarlo, per la prima volta l’ha smentito, battendo due top 20: Coric e, come detto, sua maestà, The King della terra battuta, Rafa Nadal.

Va aperta una parentesi su Fabio Fognini che già venerdì ha dimostrato che quando ha il giusto mindset può battere tutti (ha battuto per due volte Nadal sulla terra rossa nel 2015, sono in pochi che possono vantare questo record e sabato ha fatto il tris).

A Montecarlo, ha battuto un altro top 20, Coric, al termine di una rimonta entusiasmante. Sabato invece ha battuto proprio Nadal (2-0 secco) che nel Principato ha vinto 11 volte di fila.  Per Weston però Fabio faticherà sempre nei tornei top se non migliora le sue percentuali al servizio.

Ma come utilizzare al meglio questi dati per le scommesse? Weston è convinto che questa analisi spieghi perché i vari Nishikori, Isner, Raonic e Bautista-Agut non arrivano mai in fondo ad uno Slam o un Master 1000 (quindi sono informazioni molto utili soprattutto per le scommesse antepost ma non solo). Ricordate? Per vincere uno di questi tornei bisogna battere in media 2,4 giocatori top 20 al mondo.

Meritano in ogni caso di leggere le analisi integrali di Dan Weston se volete crescere come scommettitori nel tennis e mi raccomando: non puntate mai oltre le vostre possibilità. Usate la testa!

Newsletter
Segui il nostro Bar Sport

Per rimanere aggiornato su eventi, quote e pronostici, segui il nostro canale Bar Sport su Telegram.

SEGUICI

(è gratis!)

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.