Gioco legale e responsabile

Storie di Assopoker

Eugenio “Eugol93” Sanchioni: “se finisse il poker online? Bravissimo a girar patate”

Scritto da
01/04/2019 15:30

2.898


Una presenza da passista nelle parti alte del count, attivissimo sui social, non esattamente appassionato dei circuiti live, fidanzatissimo, interista . 

Le Storie di Assopoker: “Eugol93”

Più o meno è questo l’identikit di Eugenio “Eugol93” Sanchioni, sugli scudi dopo la vittoria dell’evento SCOOP numero 32 e, per le storie di Assopoker, quale occasione più adatta per sentire cosa ha da dire?

Eugenio “Eugol93” Sanchioni

“Buongiorno Top, o buonasera, che dir si voglia!” Comincia uno spumeggiante Eugenio. “Finalmente è arrivato anche il mio momento, intendo di fare un’intervista con te, per far arrivare il mio momento online dovrebbero darmi il Main SCOOP!

La vita privata

Buongiorno caro Eugenio! Sei uno tra i giocatori più conosciuti del field che naviga sul .it, ma questo non vuol dire che io non possa farti la canonica domanda che faccio a tutti. Puoi raccontarci qualcosa di te? (Età provenienza, famiglia, fidanzate, figli in giro, squadra per cui tifi e tutto quello che ti passa per la mente). 

“Ho 25 anni, portati e spesi male e vivo a Fabriano, una “piccola” città in provincia di Ancona. Da due anni a questa parte ho adibito una GrindHouse con “James90511” (Giacomo Grossi, ndr) anche lui di Fabriano.

Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

“Sono fidanzato da quasi 3 anni con Caterina che mi supporta e mi sopporta in tutte le varie situazioni che la vita da pokerista offre. Di figli in giro ancora non ne ho notizia, fortunatamente! Tifo sfegatatamente per la grande Inter, come si era potuto capire dal preambolo di sta mattina! ( Trovate tutto qui) Dato che posso spaziare liberamente, avrei una domanda da porre ai, mi auguro, numerosi lettori: ma è legale, dopo aver vinto un evento SCOOP, pranzare con un Saikebon alle 16:30 davanti al pc?!”

La vittoria di giovedì scorso

Eugenio con la sua Caterina

La notte dello scorso giovedì 28 marzo l’hai combinata bella “pesa”. Vuoi raccontarci come è iniziata la sessione? Qualche episodio “sliding doors”, tipo che non dovevi giocare e hai deciso all’ultimo…?

La sessione non è iniziata nel migliore dei modi, come si può notare da quel [3] che compare nel Payout vicino a “Eugol93”. Ho fatto re entry quasi a tutti gli eventi, ho bustato il Major del Giovedi in malo modo e mi erano rimasti solamente i più piccini e questa deeprun allo SCOOP 32, che per grazia divina è andata in porto dopo tutti i pali e le violenze degli ultimi giorni!

Hai avuto dei segnali durante la sessione che questa notte potesse essere quella giusta? 

“Durante la sessione no, ma prima di vincere questo evento ero già “contento” perchè avevo vinto il Big30 e quindi avevo fatto even, che sotto eventi è sempre un ottimo risultato! Comunque sia ho capito che poteva essere il mio torneo dopo il “greatest comeback since Lazarus”. Dopo aver perso l’ennesimo flip da un miliardo, ero rimasto con 72k chips e bui 60k, ho shovato K9o da UTG e da lì in poi ho raddoppiato altre volte ancora…ed ho iniziato a crederci davvero!”

La reazione e gli amici

Che cosa hai fatto appena l’ultimo river è atterrato sul tuo torneo vincente? 

Ho esultato con Giacomo e Andrea, che mi hanno tenuto compagnia nelle fasi calde. Non era il mio più grande shot online, ma è sempre piacevole e prestigioso accaparrarsi un evento. Ora speriamo solamente di bissarci, per favore Mamma Stars benedicimi l’account e fammi diventare il  tuo figliol prediletto.

Joaquin Repupilli al centro, fra Eugenio Sanchioni e Giacomo Grossi

È vero che l’adrenalina non ti ha permesso di dormire?

Ogni volta che arrivo ad un Final Table importante faccio fatica ad addormentarmi, per la botta d’adrenalina che mi dà. È questo il lato più bello degli MTT ed è anche questo uno dei motivi per i quali non credo che io possa mai diventare un CashGamer, lì il gioco è molto statico e mi risulterebbe noioso.

Online presente e futuro

Ormai il poker è la tua occupazione principale da tempo, pensi lo rimarrà per quanto ancora? O per sempre?

“Spero lo rimarrà ancora abbastanza, dato che non so fare nient’altro nella vita! (Ride, ndr). Se il poker online finisse, mmm..l’unica idea che mi viene in mente è quella di chiedere al Mc appena aperto qua a Fabriano se mi assumono a girare le patatine!”

 

Quali sono gli avversari che rispetti di più in questo periodo? Chi ti impressiona maggiormente?

Credo che il field si sia indurito nel corso degli anni, per questo ci sono molti avversari che rispetto. Ci sono alcuni con cui ho legato di più, che sono la combriccola fabrianese (io, James e Weikems), il gruppo dei Veneti, l’ormai pensionato Andryguen, il sempreverde Emiliano e tanti altri ancora. Non vi nomino tutti perchè altrimenti scadrei nel soporifero, ma sappiate che voglio bene a tutti.

Gli inizi

Come sei cresciuto professionalmente? Sei partito dal basso conquistando il tuo spazio livello per livello, per farti le ossa, oppure hai iniziato di slancio dai buy-in importanti? Che abi giochi adesso?

“Sono partito dal più basso, ho iniziato ad ABI 10 con PokerMagia per poi scalare man mano tutti i livelli e giocare ABI 50  nell’ultimo anno (così dice SharkScope). Non sono uno che fa tanto caso all’ABI che gioca, se sono imbarcato posso aprire anche il 5 rebuy 4max di mezzanotte, nelle sere in cui sono svogliato apro solo i €50+.”

Qui Eugol festeggia la sua vittoria. (Non è vero, ma la foto era perfetta)

Cosa consiglieresti a chi inizia da adesso?

“Consiglierei di non iniziare. A meno che uno non sia dotato di un grande talento, che non sono neanche sicuro esista talento nel poker, credo che serva troppo studio e troppa dedizione per arrivare ai livelli alti. Per quanto mi riguarda, se non giocassi professionalmente, il poker sarebbe un hobby perfetto.”

Liquidità condivisa

Si è parlato recentemente della liquidità condivisa. Hai firmato la petizione promossa dai portali italiani? O dobbiamo venire a prenderti? 

“Ho firmato la petizione, ma devo dire, forse andando controcorrente, che a me non dispiace giocare in questo field. Anche se ristretto, dato che conosco bene o male tutti quanti, so le loro tendenze medie ed è più facile approcciarsi!”

Cosa pensi di essa? Pensi possa servire a risvegliare il mercato italiano?

“Credo che sia un’arma a doppio taglio. Ovviamente potrà risvegliare il mercato italiano, ma potrà affossare anche i giocatori professionisti meno preparati. È vero che saranno maggiori i prizepool, ma saranno maggiori anche le entries e di conseguenza saranno maggiori anche gli swing e tutto ciò che ne concerne.”

Il poker live? 

“Non ho un ottimo rapporto con il poker live, sia perchè sono molto meno preparato rispetto all’online sia perchè mi annoia quanto basta. Siamo stati a Barcellona al WPT con Cap, James e Totosara (ordine rigorosamente alfabetico, sennò chi li sente) a giocare il 1500 deepstack, ma per quanto mi riguarda è stato l’ennesimo bagno già scritto. Ho deeprunnato solamente un PPT a Nova, dove feci terzo che mi derubarono tutto l’FT…”

Questo è Eugenio Sanchioni, una persona decisamente gradevole per passare una bella serata a parlare di inter, poker online e “grindhouse”, ma non chiedetegli di muoversi per un torneo live, vi tratterebbe come tifosi di una squadra avversaria.

Grazie ad “Eugol“.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento