Gioco legale e responsabile

Strategie di Poker

Analizziamo tre mani di Colillas al Final Table del Poker Player Championship (Video)

Scritto da
03/07/2019 15:15

1.672


Dopo poco più di un anno torniamo sui nostri passi per rivivere l’atmosfera del Poker Player Champiosnhip disputatosi alle Bahamas nel gennaio del 2019. 

Lo spunto ci viene offerto da un articolo uscito poco tempo fa su PokerStarsSchool.com nel quale vengono riportate alcune mani analizzate dal vincitore del torneo, Ramon Colillas. 

Mano #1

La prima mano la trovate al minuto 37:28, quando lo spagnolo apre da bottone con 6 4 da bottone a 575k chiamato da Rivera che difende il suo BB. 

Flop k j 4 che regala la bottom pair all’iberico il quale decide di small c-bettare a 375.000, circa 1/4 pot.

Ramon lo fa sostanzialmente in bluff, anche se qualche volta quella piccola coppia potrebbe averlo posto al comando delle operazioni e questa bet consente di proteggere la sua equity se fosse questo il caso. 

 

Ma la verità è che Colillas sta rappresentando tutto il range che apre da bottone, pensate a tutti i Kx, i Jack e, anche qualche 4. 

In virtù del comportamento del suo avversario, Colillas può eliminare dal suo range mani monster come i Kappa forti e i Jack forti, inoltre blockera un eventuale set di 4. 

La size è interessante perchè aggiunge forza alla rappresentazione dello spagnolo e qualche volta incoraggio il call del BB con qualche debole draw di scala come TQ, T9, Q9. 

Un avversario esperto come Rivera dovrebbe foldare la maggior parte delle volte, essendo fuori posizione, non avendo iniziativa e avendo un oggettivo svantaggio nel confronto dei range. 

Noi sappiamo che il call preflop di Rivera è ancor più debole, fatto esclusivamente per hittare il suo 3 2 e Colillas porta a casa il piatto. 

Mano #2

La seconda mano che vi proponiamo comincia al minuto 1:43:50 mentre si gioca 6-handed e vede Colillas open foldare una coppia di 5 da UTG+1. 

Per quale motivo, vi chiederete, non si apre in una situazione di short handed con una mano tutto sommato forte? La realtà è che Colillas ne fa una questione di fold per ICM. 

Per un discorso di bilanciamento da UTG si potrebbero aprire tutta una serie di combo-bluff per aggiungere un po’ di equilibrio alla sua action generale, ma tutto il resto, a parte le mani che apre per valore, va foldato. 

Gli stack a questo punto sono:

  • Martini 101bb 
  • Koonce 31bb 
  • Colillas 28bb 
  • Baumstein 23bb 
  • Rivera 17bb 
  • Perrault 2bb 

Con una solida posizione di in chips e Perrault in fortissimo trouble stack, il chipleader Martini può esercitare grande pressione sugli stack intermedi che non vogliono mettere a repentaglio il proprio stack prima che venga eliminato Perrault alla canna del gas e mettere a rischio il proprio torneo senza una mano premium. Gli scalini di questo torneo spostano cifre immani e questo Martini, che opera da BB, lo sa. 

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Se dal punto di vista strategico e tattico un’apertura con una coppia piccola può rappresentare un vantaggio, in questa situazione il fold appare la migliore opzione. 

Mano #3

Al minuto 2:03:10 Martini apre con una coppia di 4 da Cut-Off e Colillas si trova con AQ da bottone. 

Lo spagnolo ha 32x e decide di metterle tutte. Ad una prima analisi la mossa di Colillas potrebbe sembrare azzardata, ma date le circostanze è tutto sommato ragionevole. 

Intanto lo spagnolo sa che Martini apre un range davvero molto ampio, i giocatori nei bui hanno 20x a testa il che significa che non hanno interesse a chiamare se non con top range. 

Colillas blockera Assi, Donne e AK, rendendo meno probabile un’apertura da quella posizione con quelle mani. 

Dopo che i bui foldano l’action torna a Martini. Di fronte a una 3-bet normale di 5-6 BB e una situazione di stack molto favorevole,  Martini avrebbe tutte le ragioni per chiamare o addirittura per 4-bettare e mettere lo spagnolo di fronte a una decisione difficile. 

Anche il call metterebbe in seria difficoltà Colillas il quale a quel punto avrebbe 26x da gestire contro un avversario molto aggressivo e soprattutto con dalla sua il vantaggio di uno stack importante.

PSPC 2019

Questi vantaggi sono tutti annullati dallo shove di Colillas: Martini non può utilizzarli, può solo chiamare o foldare. Inoltre il range col quale Colillas pusha è piuttosto pericoloso e, ma questo lo sappiamo solo perchè conosciamo la sua mano, bene che gli vada giocherà un coinflip.

La maggior parte delle volte con questa mossa, Colillas guadagnerà 6 BB neutralizzando il suo avversario pre flop.

Quale di queste mani ti è piaciuta di più? Quale di meno?  

da PokerStarsSchool.com Dave Roemer

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento