Gioco legale e responsabile

ABC del Poker · Strategie di Poker

Rubare i bui nei tornei di poker: cinque fattori da valutare per non lanciarsi nel vuoto

Prima di rubare i bui durante un torneo di poker, pensate a chi volete derubare, alla vostra posizione di partenza, alla vostra immagine al tavolo, al momento particolare del torneo e alla dimensione degli stack coinvolti.

Scritto da
01/08/2018 20:03

2.261


Rubare i bui è un aspetto fondamentale nel poker, specialmente nei tornei, dove per andare avanti (o meramente sopravvivere) non si può semplicemente aspettare le migliori starting hands e giocare pre-flop soltanto quelle.

Molti giocatori, soprattutto tra quelli alle prime armi, raramente tentano di rubare i bui e si limitano ad aprire il gioco rilanciando pre-flop troppo poche volte, e soltanto con le mani più forti. Se vi ritrovate in questa categoria, ecco cinque fattori da valutare per rubare i bui.

 

Rubare i bui

Il blind stealing è fondamentale in un torneo di poker

 

Conoscere i blind

Non perdete tempo: sin dal primo giro del primo livello, fate caso a quali giocatori si fanno coinvolgere più spesso nel piatto e quali invece tendono a foldare un po’ troppo: ecco, questi ultimi sono ottimi target per un blind steal.

Anche negli MTT più deep, nella stragrande maggioranza dei casi ci sarà qualcuno che aprirà il gioco pre-flop con un rilancio: questo significa che ad ogni giro è possibile raccogliere informazioni su chi è disposto a difendere i bui e chi no.

Ovviamente occorre tenere sempre a mente che molti giocatori conoscono l’importanza della posizione post-flop: questo non fa di loro dei giocatori super-tight solo perché hanno foldato i bui per un paio di giri consecutivi!

La posizione di partenza

Molto semplicemente, più è avanzata la nostra posizione, più ampio può essere il range di mani con cui tenteremo di rubare i bui. Poco importa che small blind e big blind siano più chiusi dei negozi a Ferragosto, se siamo da UTG e dobbiamo affrontare il resto del tavolo prima di arrivare ai loro bui.

Da middle position la musica già comincia a cambiare, specialmente se oltre ai bui piuttosto chiusi anche gli altri giocatori seduti alla nostra sinistra sono tight. Meglio comunque evitare mani spazzatura, per non rischiare di giocare post-flop da fuori posizione con una brutta starting hand.

Hijack, cutoff e bottone sono senza dubbio le posizioni migliori da cui tentare di rubare i bui, per ovvi motivi: meno giocatori che devono agire e maggiori probabilità di giocare in posizione post-flop qualora ci fossero dei call.

L’immagine al tavolo

Un concetto molto importante, che ritroviamo spesso, è quello dell’immagine al tavolo. Se abbiamo passato gli ultimi due giri a rilanciare ogni paio di mani, il nostro tentativo di rubare i bui sarà molto meno credibile di quanto lo sarebbe se invece avessimo foldato in continuazione.

Secondo molti giocatori, tenere una media di un furto dei bui per ogni giro è il compromesso ideale per non apparire né troppo tight né troppo loose. Molto, naturalmente, dipende dalla natura degli avversari e dalla loro capacità di comprendere le dinamiche di gioco.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

La fase del torneo

Rubare i bui quando praticamente tutti gli stack sono deep, e un big blind rappresenta una frazione infinitesimale delle chip in dotazione ai player, non è certo una priorità. Stiamo parlando delle fasi iniziali di un MTT, quando più che altro occorre concentrarsi sullo stabilire un’immagine al tavolo.

Durante le fasi intermedie, quando cominciano ad entrare in gioco anche le ante, il furto dei bui assume connotati più interessanti, per diventare una pratica fondamentale nelle fasi avanzate, quando spesso rubare i bui significa incrementare il proprio stack anche del 10 o 15 percento.

La dimensione degli stack

Ultimo, ma non ultimo, controlliamo sempre la dimensione degli stack prima di rubare i bui: del nostro, e di quello dei blind naturalmente.

Nelle fasi intermedie e avanzate di un torneo, quando lo stack medio si assottiglia, meglio non tentare di rubare i bui agli short-stack (che hanno meno di 10 big blind), che potrebbero rispondere con un all-in.

Occhio anche a provare il blind steal quando il nostro stesso stack si è ridotto talmente tanto che persino un mini-raise diventa rischioso. Se proviamo a rubare i bui con 10 big blind e una mano spazzatura, ma non ci riusciamo, avremo buttato almeno il 20% dello stack!

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento