Gioco legale e responsabile

Business

Mondo Poker: In Italia nasce Logico la prima lobby a tutela dell’online. Bilancio 2015: un anno di poker!

Scritto da
13/04/2016 14:03

4.702


Ritorna Mondo Poker, la rubrica sulle notizie più hot del mercato del gioco e del texas hold’em: una rapida sintesi, per tenervi informati in pochi minuti, sulle principali news dal mondo del nostro settore. Buona lettura!

ARRIVA LOGICO, LA PRIMA LOBBY PRO ONLINE

Dopo anni di lunga attesa, finalmente in Italia è stata creata una associazione (Logico) composta solo da concessionari che nel nostro paese hanno interessi esclusivamente nel business del gaming online. E’ senza dubbio un’importante ed intelligente iniziativa. Da tempo si sentiva la necessità di tutelare il settore da attacchi spesso gratuiti da parte dell’opinione pubblica, fondati su dati sovente mal interpretati.

L’e-gaming italiano è stato spesso la vittima sacrificale, al fine di assecondare interessi economici più importanti derivanti da giochi tradizionali, nei quali la componente gambling è presente in larga percentuale. Era quindi importante creare un’associazione solo pro online.

Ecco le società che hanno aderito: PokerStars, William Hill, Bet365, Betclic, Betfair, Paddy Power, Winga, Sky Bet e Tombola.

marco-trucco

Marco Trucco, vice presidente di Logico

E’ stato nominato presidente Alessandro Scordari di PaddyPower, vicepresidente Marco Trucco, country manager di PokerStars Italia.

Molte le sfide, ad iniziare dalla difesa del gioco online dagli attacchi dell’opinione pubblica e della politica. Ma non solo: pensiamo al cancro del match-fixing nelle scommesse e alla possibilità di aprire le porte a novità che potrebbero rappresentare una svolta per il settore, come l’apertura alla liquidità internazionale, decisiva per le sorti di mercati come il poker online e il betting exchange. L’associazione inoltre curerà i delicati rapporti con le istituzioni.

BILANCIO 2015: CASH GAME -22,3%, TOURNAMENTS -4,2%

Arrivano i dati ufficiali per il 2015 e nel poker registriamo dati molto differenti tra poker tournaments e cash game.

In quest’ultimo gioco, il calo è stato drastico con un -22,3%. Proprio per questo motivo l’apertura al field dot com (proprio come in UK). sembra l’unica mossa oramai rimasta per ridare impulso al mercato. I margini nel cash game continuano però ad essere superiori.

I tournaments hanno registrato una spesa di 71,3 milioni di euro (calo del 4,2%) con una raccolta di 727 milioni (vincite 665,7 milioni). Nel cash game – secondo i dati Agimeg – la spesa è stata di 83,7 milioni (107,8 milioni nel 2014).

CASINO’ E SCOMMESSE ONLINE BOOM

Continuano a crescere i casinò online e lo fanno in maniera verticale. La spesa dei giocatori nel 2015 è stata di 327,5 milioni, +31,2% rispetto al 2014 (249,6 milioni). La raccolta ha superato i 9,5 miliardi. Volano le scommesse su internet: spesa superiore ai 254 milioni, rispetto ai 213,8 del 2014 (crescita del 19%). Male il bingo: spesa da 25,3 milioni con un calo del 71,%.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento